La procura di Parigi ha aperto un’inchiesta per “aggressioni sessuali” nei confronti del nunzio apostolico in Francia, monsignor Luigi Ventura. Lo scrive il quotidiano Le Monde, precisando che la vittima è un giovane funzionario del municipio della capitale. Secondo la sua denuncia, durante una cerimonia ufficiale all’Hotel de Ville del 17 gennaio scorso, il nunzio 74enne lo ha più volte palpeggiato facendo la “mano morta“.

Il municipio di Parigi, scrive Le Monde, ha segnalato i fatti alla procura il 23 gennaio sulla base dell’articolo 40 che obbliga le autorità a informare la procura di ogni possibile reato. Il procuratore Remi Heitz ha subito aperto un’inchiesta per “aggressioni sessuali”, hanno riferito al quotidiano fonti giudiziarie.

Di origini lombarde, l’ambasciatore del Vaticano in Francia rappresenta la Santa Sede a Parigi dal 2009. Le molestie di cui è accusato sono avvenute durante la tradizionale cerimonia degli auguri del sindaco alle autorità civili, diplomatiche e religiose.

“La Santa Sede ha appreso a mezzo stampa che è stata avviata un’inchiesta da parte delle autorità francesi nei confronti di mons. Luigi Ventura, Nunzio Apostolico a Parigi. La Santa Sede rimane in attesa del risultato delle indagini”. E’ quanto ha detto il direttore “ad interim” della Sala Stampa della Santa Sede, Alessandro Gisotti, rispondendo alle domande dei giornalisti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Catania, latitante come Tarzan: usava una corda fissata a un albero per raggiungere il covo. Arrestato

prev
Articolo Successivo

Tav, Perino: “Grazie a movimento del no evitato spreco di 7 miliardi di euro. Ora restituiteci la nostra terra”

next