Lorena Bobbit il 23 giugno del 1993 tagliò con un coltello da cucina una parte del pene a suo marito mentre dormiva. Prese l’auto e lanciò la parte amputata fuori dal finestrino, la polizia lo cercò accuratamente e dopo averlo ritrovato all’uomo fu ricucito chirurgicamente. Nelle prime dichiarazioni la donna giustificò il suo gesto spiegando che suo marito John “arrivava all’orgasmo senza aspettarmi: è egoista“. In seguito parlò poi di abusi e violenza domestica.

La notizia rese celebre la coppia statunitense e fece in pochi giorni il giro del mondo. Dopo venticinque anni la Bobbit ha deciso di tornare sull’argomento concedendo un’intervista alla ABC. La conduttrice Barbara Walters ripercorre lo storico episodio chiedendo spiegazioni sul gesto: “Perché gli tagliò il pene? Era violento? L’aveva aggredita?”. Lorena Gallo, che ha da tempo ha ripreso il suo cognome da nubile, ospite di The View ha così replicato: “La domanda non è perché ho fatto quel che ho fatto, ovviamente non ero lucida in quel momento, non ero psicologicamente normale. Ero dentro a questa bizzarra follia chiamata pazzia. Fu una follia, una follia temporanea. Quindi la domanda non è perché l’ho fatto o come l’ho fatto, mostra solo quanto sia psicologicamente drammatico subire la violenza domestica. Il documentario mostra quanto chi la mette in atto sia brutale.”

Proprio nella docuserie “Lorena”, distribuita da Amazon diretta Joshua Rofè e prodotta da M. Elizabeth Huges, racconta l’episodio che ebbe risonanza mondiale. Il marito John Wayne Bobbit abusava di lei e la picchiava, a gennaio del 1994 fu assolta per l’aggressione e ritenuta dalla giuria in uno stato di infermità mentale. Anche suo marito fu ritenuto innocente in merito alle accuse di violenza domestica.  Oggi la sua vita è molto cambiata, ha scelto di occuparsi delle donne vittime di abusi e di farlo attraverso una fondazione che porta il suo nome.u

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

San Valentino, tappezza la città di manifesti con la foto della moglie morta

prev
Articolo Successivo

Secondary ticketing, tutti assolti: cadute le accuse di aggiotaggio e truffa

next