La vittoria di Mahmood e il secondo posto di Ultimo al festival di Sanremo sono da giorni al centro del dibattito non solo televisivo ma anche politico, con le dichiarazioni sul televoto del vicepremier Luigi Di Maio e quelle del Ministro dell’Interno Salvini che si era espresso a favore del cantante romano. Già prima si era discusso per settimane per le dichiarazioni del direttore artistico Claudio Baglioni sui migranti. Alla lista dei commenti sanremesi si aggiunge Silvio Berlusconi, il leader di Forza Italia è stato ospite ieri a Pomeriggio 5.

Un giudizio piuttosto duro quello del Cavaliere: “Le canzoni di quest’anno? Tutte boiate. Non me n’è piaciuta nessuna. In confronto a quelle che scrivo io perdono 5 a 100“, ha detto rispondendo alla domanda di Barbara D’Urso. Non l’unico riferimento televisivo nel corso dell’ospitata perché, pur essendo a casa sua, ha scherzato, o forse no, sul suo ruolo di ospite: “Voglio intervenire sulle vostre tv, visto che non mi invitano più. Ho dovuto protestare con Fedele Confalonieri dicendo: ‘Non ti saluto più, sei presidente di un tv che non mi invita mai.‘ È colpa di Confalonieri.”

La conduttrice, quasi impaurita, prova a replicare: “Silvio ce l’hai con me? Perché dici vostre tv?“. Berlusconi ritorna sull’argomento: “Vostre, perché ci lavorate voi giornalisti. Ho visto che invitano Di Battista, ma chi è Di Battista?”, visibilmente infastidito per l’ospitata del politico del Movimento 5 Stelle a Domenica Live nelle scorse settimane.

Nel corso della lunga chiacchierata, in cui non ha mai citato Matteo Salvini, ha attaccato duramente gli elettori italiani: “Quando c’è da votare quanti votano Berlusconi? 5-6 italiani su 100, una cosa fuori dal mondo, gli italiani sono quasi tutti fuori di testa. Si guardino nello specchio. Hanno affidato l’azienda Italia a chi non la conosce, non ha lavorato o studiato, come Di Maio e gli altri al vertice”, ha concluso l’ex premier.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Week end: il Cadore più minuto, dimenticando, per una volta, la star Cortina.

prev
Articolo Successivo

Il Volo, Gialuca Ginoble: “Sono giorni che alcuni giornalisti ci telefonano per scusarsi a nome di chi ci ha offeso. Siamo amareggiati e delusi”

next