L’Assessore alle Attività Produttive della Regione Emilia Romagna, Dott.ssa Palma Costi, il Sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli, e i rappresentati delle diverse organizzazioni sindacali: c’erano tutti all’incontro con Harald J. Wester, amministratore delegato di Maserati, marca pronta a un nuovo piano di rilancio che avrà come protagonista lo stabilimento FCA di Modena.

L’impianto, promette l’azienda, “sarà dedicato alla costruzione di particolari vetture sportive ad alte prestazioni, caratterizzate da un elevato contenuto tecnologico”. E già in autunno inizieranno i lavori di ammodernamento delle linee di montaggio, che saranno predisposte per la produzione dei futuri modelli.

“Nel primo semestre del prossimo anno saranno realizzate le prime vetture preserie di un nuovo modello a marchio Maserati, una vera sportiva”: piano industriale 2018-2022 alla mano, dovrebbe trattarsi del coupé Alfieri, che sarà offerto anche con tecnologia plug-in hybrid – l’ibrido che si ricarica alla spina – e motorizzazione 100% elettrica a quattro ruote motrici.

Promesse che riaccendono la speranza dopo il recente tonfo commerciale dell’azienda: nel 2018, infatti, le consegne di Maserati sono scese del 32% a poco meno di 35 mila pezzi, a causa soprattutto della minore domanda in Cina e di un’offerta di prodotto vetusta e poco competitiva. Ne sono conseguiti ricavi ridotti del 34% a 2,663 miliardi e un utile operativo in caduta libera al -73%, a 151 milioni.

Ora dipende tutto dai nuovi prodotti, a cominciare dall’atteso suv di medie dimensioni, che verrà offerto con tecnologia ibrida plug-in e, molto probabilmente, condividerà la meccanica con la cugina Alfa Romeo Stelvio. Poi sarà il turno delle nuove generazioni di Quattroporte e Levante, proposte altresì con meccanica 100% elettrica, impianto a 800 Volt e 3 motopropulsori a zero emissioni (oltre che con motori V6 elettrificati). L’obiettivo fissato al 2022 è ambizioso: far lievitare le vendite a 100 mila unità annue e toccare un margine del 15%, fra i più alti del panorama automotive.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fca, utili per 5 miliardi nel bilancio 2018. Ma il 2019 rimane un punto interrogativo

prev
Articolo Successivo

Ford, in caso di hard Brexit pronta ad abbandonare la produzione in UK

next