Ama farsi ritrarre in fotografia con il “suo” violino appoggiato al mento per sorreggerlo. Alessandro Quarta, classe 1976, salentino, è il classico illustre (da noi) poco conosciuto, che però in giro per il mondo viene chiamato “musical genius”. Vi ricordate quando Roberto Bolle danzò sulle note del brano Dorian Gray in tv su Rai1? Ecco al violino in penombra c’era Quarta. Il 1 maggio 2015 in Piazza San Giovanni ad aprire la serata chi c’era? Nientemeno che Quarta. Alessandro Baricco presenta The Game? Quarta lo accompagna al violino. Tre gli album fino ad ora con l’ultimo, recentissimo, tributo ad Astor Piazzolla da saltare sulla sedia. Quando è in pausa di lavoro tra l’arrangiamento di un brano per la Disney e la composizione di una partitura da portare in scena lo si può rintracciate sui social mentre in canottiera suona con una rapidità impressionante il suo Giovanni Battista Guadagnini del 1761 tenendoselo tra le gambe. Sul palco di Sanremo 2019 duetterà con Il Volo per una perfomance in cui la classicità operistica incontrerà il pop. Motto del giorno: Quarta non ripete.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Week end: il Cadore più minuto, dimenticando, per una volta, la star Cortina.

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2019, con Motta sul palco c’è Nada. Dopo i successi al Festival (e non solo) disse: “Cantavo, uscivo dal palcoscenico, vomitavo e rientravo”

next