Il cantante rock e produttore Carlo Cori è morto stroncato da un infarto. È successo giovedì sera a Sanremo, durante una pausa di un concerto che aveva organizzato al teatro della Federazione Operaia di via Corradi, dal titolo “Cantando Sanremo for the world“. L’artista era uscito dalla sala per prendere una boccata d’aria quando è stato colto da malore: subito è stato soccorso dal personale del 118 che ha tentato di rianimarlo con il defibrillatore ma è morto poco dopo in ospedale.

Cori era conosciuto anche come “il Vasco dell’Est” per il successo che aveva ottenuto nei Balcani e nei Paesi dell’Est: aveva organizzato infatti diversi festival di musica italiana in Lettonia, collaborando per la televisione di Stato russa. Tra i suoi brani più celebri “Uomini” e Posto di blocco”. In Italia è stato riscoperto in tv grazie a “Target“, mentre l’ultima apparizione è stata nel programma “Tempi Moderni” su Italia 1.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2019 è davvero lo specchio del nostro Paese. Gli insulti a Bisio ce lo confermano

next
Articolo Successivo

Sanremo 2019, ‘viva viva la Vanoni che al Festival ha rotto i Baglioni’

next