In tempo di festival di Sanremo, le Ferrovie italiane non possono certo cantare “siamo l’azienda più bella del mondo e ci dispiace per gli altri”. Non è di sicuro un successo internazionale l’aggiudicazione, da parte della loro controllata Netinera, di due lotti di trasporto regionale messi a gara in Germania (a Berlino e in Sassonia).

È vero che l’ad delle Fs Gianfranco Battisti ha detto che il mercato ferroviario liberalizzato tedesco ha consentito di esportare il know-how tecnico italiano. Salvo che poi i clienti del trasporto locale italiano queste capacità non le percepiscono affatto. L’elenco dei disservizi è infatti lungo quanto la Penisola. La soluzione, anch’essa proposta da decenni, sarebbe quella di mettere a gara i servizi locali – come si fa oltralpe – e creare una forte authority del trasporto, che li pianifichi e controlli senza condizionamenti aziendali e nel solo interesse della mobilità sostenibile. Ma questa soluzione, sia con governi tradizionali che del cambiamento, è ancora molto al di là da venire.

E di queste nuove modalità di gestione del servizio ce ne sarebbe estremo bisogno, essendo questa una delle poche possibilità in grado di incentivare il trasporto pubblico e penalizzare il tanto, a quanto pare vituperato da questo esecutivo, trasporto su gomma.

Per adesso le ferrovie (e il ministero dei Trasporti) ci offrono una narrazione vecchia, un racconto con un sospetto oltretutto – e che non sia mai! – di sussidi incrociati dove i pendolari italiani sopportano disservizi forse a beneficio dell’efficienza offerta ai loro omologhi germanici. Insomma un’Europa à la page e di cui sono belle solo alcune cose (andare a gareggiare in casa d’altri), mentre suona disdicevole che altri per reciprocità vengano da noi (l’Atm di Milano che vince la gara per la gestione della metropolitana di Copenaghen, ma a Milano nessuna impresa di trasporti europea può entrare). Il tutto pensando di essere i più astuti e che gli altri non si stiano accorgendo di questo.

Insomma l’Italia dell’evergreen “finché la barca va”, senza che nessun governo del cambiamento cerchi di dare una sicura e moderna direzione di marcia al settore del trasporto pubblico locale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, anziché lamentarsi la sinistra impari da Corbyn

next
Articolo Successivo

Mi piace generalizzare e dico: per me tutte le banche hanno bilanci falsi

next