Serena Rossi arriva a Sanremo per omaggiare una grande voce italiana: Mia Martini. L’attrice ha infatti interpretato Mimì Bertè nel film-tv Io Sono Mia, che verrà trasmesso il 12 febbraio su Rai 1 e che sul palco del teatro Ariston di Sanremo verrà presentato al grande pubblico. Serena celebrerà Mia cantando una delle canzoni più famose del suo repertorio: Gli uomini non cambiano, che nella vita della Bertè ha segnato una svolta con la partecipazione-rinascita al Festival del 1989.

Serena Rossi torna così a Sanremo un anno dopo aver duettato con Renzo Rubino nella serata dei duetti e dopo aver sognato di arrivarci nelle vesti di valletta: “A Sanremo ci ho sempre pensato, ma non tanto come cantante in gara, ma come valletta mora del Festival. E’ sempre stato un mio sogno”, aveva detto qualche tempo fa. Stavolta è una delle ospiti più attese.

Ha soli 33 anni, ma l’attrice napoletana può già vantare una carriera importante e decisamente variegata. Nel suo curriculum non manca niente. Esperienze alte e basse, ruoli impegnati e partecipazioni pop. Una delle sue prime esperienze più importanti è stata sul set di Un posto al sole, dove ha anche conosciuto il suo attuale marito: Davide Devenuto, anche lui una delle star della soap di Rai3. L’amore è sbocciato nel 2008 e prosegue tutt’oggi. Nel 2016 hanno anche dato alla luce un figlio, Diego.

Ma Serena Rossi non è solo “quella delle soap”. Ha spesso dimostrato di avere una voce da usignolo, vincendo addirittura un David di Donatello per la miglior canzone originale con il film Ammore e malavita o prestando la sua ugola per la colonna sonora di Frozen. Si è messa in gioco con i trasformismi di Tale e Quale Show, vincendolo. E si è pure prestata alla televisione come conduttrice, risultando una piacevole rivelazione di Detto Fatto, Celebration nel sabato sera di Rai 1 e RadioItaliaLive.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2019, salta l’ospitata di Valeria Golino e Valeria Bruni Tedeschi: al posto della loro esibizione, gli avrebbero proposto uno “sketch osceno” e tutto è “cordialmente” saltato

next