“Vogliamo vederci chiaro sui disagi che si sono verificati negli ultimi giorni sulla A22 autostrada del Brennero. È infatti già in corso un’ispezione per verificare che il concessionario sia intervenuto adeguatamente per garantire la sicurezza degli utenti, come prevede la convenzione”.  Il giorno dopo i disagi sofferti dagli automobilisti sull’Autostrada del Brennero, riaperta alle 23 di ieri notte dopo 15 ore di incolonnamenti, il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli manda gli ispettori a verificare le misure di sicurezza e soprattutto annuncia di voler togliere al concessionario la gestione del tratto per restituirla allo Stato. Nella nota, Toninelli ricorda che la concessione “è scaduta da anni” e si è “ad un passo dal rinnovo con una gestione totalmente pubblica e più conveniente”. Oggi è partecipata all’84,7% da enti pubblici (32,2 dalla Regione autonoma del Trentino, il resto da quattro comuni, province e camere di commercio ), mentre la parte privata  controlla il 14% della società, con capofila la Serenissima Partecipazioni Spa.

“Per la gestione dell’A22 – si legge – la concessione è scaduta da anni e siamo a un passo da rinnovarla con una gestione totalmente pubblica e più conveniente per i territori e per chi viaggia – aggiunge – Nonostante ciò l’attuale concessionario, la cui gestione non si può dire sia stata soddisfacente in questi giorni, e che in questi anni di proroga ha continuato a godere di ricchi profitti, ha fatto ricorso contro la rivoluzione che stiamo mettendo in atto. Una scelta incomprensibile, a meno che la si legga alla luce del tentativo di continuare a guadagnare con gli enormi dividendi di una concessione che non vorrebbero finisse mai”.  “Ma noi non ci fermeremo – conclude – siamo convinti della rivoluzione nella gestione delle autostrade che stiamo portando avanti. Una rivoluzione che garantirà pedaggi più bassi ed equi, servizi migliori e utili reinvestiti sul territorio”.

Il Condacons presenterà un esposto alla Procura di Bolzano per i disagi  e lancia oggi la richiesta di indennizzi per tutti gli automobilisti rimasti bloccati sulla A22. “Diffidiamo la società autostradale – spiega il presidente Carlo Rienzi – a disporre risarcimenti automatici in favore di tutti gli automobilisti rimasti intrappolati, considerata l’assenza di informazioni in loro favore e la mancata chiusura dei caselli che avrebbe potuto evitare il caos”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La flat tax ai pensionati che rimpatriano? Senza investimenti pubblici è inutile. Vi spiego perché

next
Articolo Successivo

Turkmenistan, gli affari dell’Italia con la dittatura: dal 2012 ad oggi vendute armi per 257 milioni (il 76% dell’export Ue)

next