Un minuto di silenzio per le vittime della Shoah. Nell’aula del consiglio comunale di Pisa sono tutti in piedi per celebrare il Giorno della Memoria. Tranne un consigliere comunale: Manuel Laurora, eletto come indipendente nelle liste della Lega e leader del movimento locale “No moschea“. Lui è rimasto seduto, provocando l’immediata reazione delle opposizioni che hanno abbandonato l’aula. L’episodio, avvenuto martedì 29 gennaio, è stato definito “grave” dal sindaco leghista, Michele Conti che ha invitato Laurora ad abbandonare l’aula.

Il presidente del consiglio comunale, Alessandro Gennai (Lega), ha adottato nei confronti del consigliere il provvedimento di espulsione e preteso le sue scuse. Durante il suo intervento era visibilmente emozionato perché, ha spiegato, “ho vissuto sulla mia pelle la tragedia della Shoah: ho avuto uno zio deportato“. “Segnalerò – ha proseguito il sindaco Conti – ai vertici nazionali del partito, la condotta di Laurora, anche se non è un iscritto della Lega ma nelle sue liste è stato eletto: gesti simili non possono essere tollerati dentro le istituzioni”.

Laurora è stato espulso dall’aula “per comportamento altamente lesivo della reputazione delle istituzioni”. “Volevo sinceramente scusarmi per il mio atteggiamento. Anche per me la Shoah è una pagina terribile nella storia dell’Umanità che non deve ripetersi mai più”, ha dichiarato Laurora alla ripresa dei lavori dopo quanto avvenuto in aula “per l’errore commesso nel non essermi alzato”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Multopoli, dalla principessa al cavaliere fino agli esponenti della destra romana: ecco chi sono i furbetti della sanzione

next
Articolo Successivo

Cardito, ai due bimbi sopravvissuti ora serve una rete protettiva. Solo così riacquisteranno fiducia

next