Cafona, maleducata e aggressiva“: così l’ex concorrente del Grande Fratello Rossella Intellicato definisce Tina Cipollari in un video pubblicato sulle sue Instagram Stories. “A 5mila euro al mese fa sempre un grandissimo show“, incalza. La cifra naturalmente non è ufficiale, ma Rossella non è certo un’estranea al mondo di Uomini e Donne, dal momento che è stata tronista nella stagione 2015/2016. Ma il suo attacco all’opinionista del programma di Maria De Filippi non finisce qui.

“La maleducazione ed il bullismo sono alle stelle, sempre ed esclusivamente dalla stessa persona. Mi chiedo ma quando le scadrà il contratto a questa signora e se ne andrà finalmente in pensione? Perché è inutile che facciamo i perbenisti, i moralisti, che facciamo articoli e rubriche sul bullismo quando un programma delle 14.45 mette in onda una persona che,  sia con i ragazzi ventenni sia con i suoi coetanei, dimostra di essere cafona, maleducata e aggressiva – incalza Rossella -. Martella in modo esagerato le persone creando un senso di disagio. Ha un livello di maleducazione esagerato, lei dovrebbe essere lì a fare le parti di una mamma, di una zia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“C’è Grillo”, flop dello show con Beppe Grillo su Rai2: fa solo il 4,3% di share. Freccero: “Battuto da Di Maio”

prev
Articolo Successivo

Grillo c’è, vorrei farlo io un flop come il suo

next