Una cliente dai tratti orientali indica delle bottiglie d’acqua e chiede qualcosa ad un uomo che la sta riprendendo. Questo per tutta risposta inizia a prenderla in giro, a sbeffeggiarla, travalicando presto nell’insulto razziale. La vicenda è stata raccolta e raccontata da Milano Today, che ha riproposto il video che è diventato virale in rete. “Signora, qua siamo in Italia – dice la voce fuori campo -, è inutile che mi parla in cinese. Deve tornare in Cina se vuole parlare in cinese”, dice. “Senta cazzo di cinesa, già siete venuti nel mio cazzo di Paese a distruggere tutto il mercato. Prima che ti spezzo le gambe. Ti sparo in testa brutta cinese di merda”.

Alla scena assiste un commesso, che guarda divertito e non fa nulla per difendere la cliente. Il supermercato, della catena Iper, ha commentato l’episodio su Facebook: “In merito al video che sta circolando in rete in cui una nostra Cliente rimane vittima di un grave ed intollerabile atto di discriminazione, Iper La grande i, comunica che è venuta solo oggi a conoscenza della sua esistenza, peraltro grazie alle numerose segnalazioni ricevute dai nostri fan e clienti. Siamo sbigottiti rispetto al suo contenuto e chiediamo scusa alla nostra Cliente, siamo noi stessi indignati per quanto possa essere accaduto all’interno di un nostro punto di vendita.  Stiamo analizzando attentamente il filmato, approfondendo i fatti; prenderemo immediati e adeguati severi provvedimenti nei confronti di qualunque dipendente Iper risulti coinvolto, il quale, possiamo già dirlo senza alcun indugio, non rappresenta in alcun modo la nostra azienda, che si fonda sulla passione di 7.000 dipendenti che ogni giorno, con impegno e rispetto, lavorano per dare il miglior servizio possibile a tutti i nostri Clienti. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno permesso di intervenire così tempestivamente e Vi terremo aggiornati sulle azioni intraprese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cara di Mineo, 19 fermi per mafia, droga e violenza. Salvini: “Lo chiuderemo”

prev
Articolo Successivo

Napoli, De Luca contestato dai lavoratori apu: “Vergognati, sei una chiavica. Il Pd puzza di morto”. Lui se ne va scortato

next