Un’avventura terribile e una decisione, quella di smettere di fumare. E’ quello che ha scelto di fare Beppe Signori, vicecampione del mondo con la Nazionale nel 1994 ed ex attaccante del Bologna, dopo aver trascorso cinque giorni in terapia intensiva cardiologica. L’ex calciatore è stato salvato dai rischi di un’embolia polmonare al Sant’Orsola di Bologna. Come riporta Il Resto del Carlino, Signori ha accusato dolori al torace e faceva molta fatica a respirare: “Diciamo che è stato un fulmine a ciel sereno e anche in famiglia si sono preoccupati- ha raccontato Beppe – Ma il peggio è passato, anche se farò altri controlli ed esami. Comunque, sono stato assistito benissimo e per questo quando sono tornato a casa ho voluto ringraziare tutti con il post”. “Il mio cuore ed io ringraziamo gli amici Mario Lima, Gianni Marmi e Giovanni Sisca, Prof. Stefano Nava e Prof. Claudio Rapezzi, Dort.ssa Filomena Carfagnini, Dott. Stefano Pancaldi e tutto lo staff dell’UTIC del Policlinico Sant’Orsola-Malpighi Bologna. Grazie”, ha scritto Signori su Facebook.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Belen Rodriguez e Diletta Leotta: il video hot insieme (con Daniele Battaglia che “si masturba” alla loro spalle) diventa virale

prev
Articolo Successivo

Enrico Ruggeri, spaventoso incidente per il cantante: “400 metri di testa coda in un viadotto”

next