La Corte costituzionale ha giudicato infondata la questione di costituzionalità dell’articolo 11, comma 1, lettera a), della cosiddetta legge Severino che prevede la sospensione dalla carica degli eletti negli enti locali che siano stati condannati in via non definitiva prima dell’elezione.

Lo comunica la stessa Consulta in una nota. In continuità con le sue precedenti pronunce sul sistema delineato dalla Severino, la Corte ha respinto le censure sollevate dal Tribunale di Lecce. In particolare ha ritenuto non irragionevole l’applicazione della misura della sospensione a chi sia stato condannato, anche prima della candidatura, per determinati reati gravi o connessi all’esercizio di una funzione pubblica. La Corte ha poi escluso che sia irragionevole il diverso trattamento di quest’ipotesi rispetto a quello della condanna per reati meno gravi (previsto alla lettera b) dello stesso comma 1), condanna che comporta la sospensione solo se pronunciata dopo l’elezione. Ha ritenuto infine che la soluzione legislativa non comprima irragionevolmente il diritto di elettorato attivo e passivo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, M5s condannato a risarcire 22mila euro a candidato alle comunali espulso

prev
Articolo Successivo

Pioltello, un anno fa ero su quel treno. E non sono più la stessa persona

next