Tre anni e dieci mesi di reclusione. Questa la condanna decisa dal gup Elisa Mombelli nei confronti di Manuele Boschetti, 51enne cremonese, che il 2 settembre del 2016 investì con la sua Fiat Punto il ciclista Giuseppe M., 58enne cremonese, scambiandolo per la persona con la quale aveva avuto una lite poco prima. Le accuse per Boschetti, incensurato, fino a poco tempo infermiere in case di riposo ma ora a casa per problemi di salute, erano tentato omicidio, fuga, omissione di soccorso e guida in stato di ebbrezza.

Per l’imputato, processato con il rito abbreviato, il pubblico ministero Lisa Saccaro aveva chiesto tre anni e quattro mesi, pena inferiore rispetto a quanto deciso dal giudice. L’accusa era partita da una pena di sette anni, ridotta a tre anni e quattro mesi per la concessione delle attenuanti generiche per l’avvenuto risarcimento del danno (un milione e mezzo di euro), e per il rito abbreviato (che prevede uno sconto di pena). Il ciclista versa tutt’ora in stato vegetativo. All’accusato è stata sospesa la patente per due anni. La lite con il ciclista, mai identificato e che non si è mai presentato spontaneamente nonostante gli appelli, scaturì per motivi legati alla viabilità in centro città. Automobilista e ciclista discussero perché il ciclista era passato con il rosso. Al culmine della lite, il ciclista, con un gesto di rabbia, scaraventò la propria bici contro il parabrezza della macchina, poi riprese la sua bici e ripartì alla volta di via Bergamo. L’automobilista, furioso, risalì sulla propria vettura e si lanciò all’inseguimento. Il ciclista fu intercettato all’altezza di una birreria, dove per l’accusa sarebbe stato deliberatamente travolto e mandato a schiantarsi contro un’auto parcheggiata.  Solo che si trattava del ciclista “sbagliato”: il protagonista della lite e l’uomo investito indossavano due magliette di colore diverso. E differente anche il colore e il modello della bicicletta.

I difensori dell’imputato hanno fatto sapere che ricorreranno in appello.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Olbia, violento scontro tra due traghetti. Il momento dell’impatto a bordo: “Ci piglia, ci piglia!”

prev
Articolo Successivo

Giulio Regeni, tre anni dalla sparizione: in 100 piazze l’Italia che non dimentica torna a chiedere la verità sull’omicidio

next