I carabinieri veri arrestano quelli finti: a finire in manette una banda di sei persone che rapinava ville e negozi utilizzando la divisa dell’Arma. Le indagini dei militari hanno preso il via a settembre dopo una violenta rapina in una abitazione del quartiere San Carlo all’Arena. Uno dei malviventi, travestito da carabiniere, ha simulato di dover effettuare un controllo nell’abitazione e appena è riuscito a entrare nel cortile della villa si è fatto raggiungere da quattro complici con il volto coperto da maschere. Hanno puntato più volte una pistola alla tempia della vittima e l’hanno costretta a consegnare denaro, gioielli e orologi di valore.
I militari della stazione Napoli-Marianella, anche grazie alla visione di numerose telecamere di videosorveglianza, hanno identificato tutti i presunti responsabili e individuato i mezzi da loro utilizzati. Nel corso delle investigazioni i militari hanno ricondotto alla banda anche un’altra rapina in una casa del quartiere Arenaccia e una rapina commessa lo scorso ottobre in una sala scommesse di via Santa Maria a Cubito nel corso della quale avevano sottratto 5mila euro. Gli arresti hanno permesso di evitare che i componenti della banda riuscissero a portare a termine ulteriori furti e rapine già pianificati. Le indagini proseguono poiché gli inquirenti ritengono che gli arrestati abbiano commesso in passato altre rapine con le medesime modalità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gallarate, paziente si suicida gettandosi dal tetto dell’ospedale: i suoi parenti devastano il Pronto Soccorso

prev
Articolo Successivo

Castelnuovo di Porto, altri 75 migranti pronti a essere trasferiti dal Cara: deputata di Leu si mette davanti al bus

next