I carabinieri veri arrestano quelli finti: a finire in manette una banda di sei persone che rapinava ville e negozi utilizzando la divisa dell’Arma. Le indagini dei militari hanno preso il via a settembre dopo una violenta rapina in una abitazione del quartiere San Carlo all’Arena. Uno dei malviventi, travestito da carabiniere, ha simulato di dover effettuare un controllo nell’abitazione e appena è riuscito a entrare nel cortile della villa si è fatto raggiungere da quattro complici con il volto coperto da maschere. Hanno puntato più volte una pistola alla tempia della vittima e l’hanno costretta a consegnare denaro, gioielli e orologi di valore.
I militari della stazione Napoli-Marianella, anche grazie alla visione di numerose telecamere di videosorveglianza, hanno identificato tutti i presunti responsabili e individuato i mezzi da loro utilizzati. Nel corso delle investigazioni i militari hanno ricondotto alla banda anche un’altra rapina in una casa del quartiere Arenaccia e una rapina commessa lo scorso ottobre in una sala scommesse di via Santa Maria a Cubito nel corso della quale avevano sottratto 5mila euro. Gli arresti hanno permesso di evitare che i componenti della banda riuscissero a portare a termine ulteriori furti e rapine già pianificati. Le indagini proseguono poiché gli inquirenti ritengono che gli arrestati abbiano commesso in passato altre rapine con le medesime modalità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gallarate, paziente si suicida gettandosi dal tetto dell’ospedale: i suoi parenti devastano il Pronto Soccorso

next