L’accordo era nell’aria, come riportato dal Fatto Quotidiano, ed è stato chiuso nella notte. La contesa tra Maurizio Landini e Vincenzo Colla per la guida della Cgil è stata chiusa con il classico accordo di vertice: Landini sarà segretario e Colla suo vice affiancato da un’altra componente dell’attuale segreteria, Gianna Fracassi. Colla, la cui area è oggi presente in segreteria con due componenti, ottiene anche l’ingresso di un altro rappresentante delle sue posizioni, il segretario dei Chimici, Emilio Miceli, che durante il congresso si è distinto per le critiche a Landini. Per chiudere la contesa Colla aveva chiesto per la sua area l’incarico di responsabile organizzativo trovando il secco di no di Landini che oltre a ereditare interamente il gruppo dirigente scelto da Susanna Camusso si sarebbe trovato privo anche della leva organizzativa.

L’altra richiesta, invece, quella di avere tre membri in segreteria, tutti uomini, è stata invece accolta senza insistere su una composizione di genere più adeguata. L’ultimo a ricoprirlo era stato Guglielmo Epifani accanto a Sergio Cofferati e il vicesegretario aggiunto era la soluzione che la Cgil aveva trovato per far convivere la componente comunista e quella socialista. Niente a vedere con quei tempi, oggi si tratta di altra levatura, ma la proposta avrebbe il merito, se accettata, di sbloccare la situazione. Ma resta sul tavolo anche l’ipotesi di un incarico di rilievo, forse alle relazioni internazionali, per la stessa Camusso. Il nuovo segretario, Maurizio Landini, che sarà eletto domani dall’Assemblea nazionale, a sua volta frutto del voto dei delegati al congresso, che si terrà stasera, realizza un obiettivo che sembrava impossibile fino a qualche mese fa: la guida del sindacato che è stato di Giuseppe Di Vittorio, Luciano Lama, Bruno Trentin, Sergio Cofferati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, i conti non tornano: abbiamo varato l’ennesimo sussidio

prev
Articolo Successivo

Decreto Dignità, le modifiche ai contratti possono penalizzare i lavoratori. Ecco come tutelarsi

next