Durante la commemorazione dell’Olocausto nell’assemblea della Baviera, i deputati di Afd, partito tedesco di estrema destra, hanno lasciato l’aula in segno di protesta. Il gesto, da parte dei rappresentanti regionali di Alternative für Deutschland, è una risposta alle critiche rivolte da una leader della comunità ebraica sopravvissuta ai campi di sterminio che li accusava di minimizzare i crimini nazisti e le vittime della Shoah.

Quando Charlotte Knobloch, questo il nome dell’ex rappresentante del Consiglio centrale ebraico tedesco, ha accusato il partito sovranista di “fondare la propria politica sull’odio e sulla discriminazione“, di avere “minimizzato i crimini del nazismo” e di avere “connessioni con la destra estrema“, i deputati, circa una decina, sono usciti dall’aula di Monaco di Baviera. I deputati degli altri partiti, invece, si sono alzati e hanno risposto con un applauso.

L’Afd, già nel mirino dei Servizi di sicurezza tedeschi, che la scorsa settimana hanno messo sotto osservazione le frange più estremiste del partito, nei giorni scorsi ha registrato un calo nei sondaggi, attestandosi al 13%, risultato più basso da un anno a questa parte. Proprio l’anno scorso i rappresentanti bavaresi del partito erano entrati per la prima volta nell’assemblea del Land.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Muro di Berlino, chi l’ha costruito? A 30 anni dalla caduta, attenzione al revisionismo

next
Articolo Successivo

Prodi: “Attacchi alla Francia? Superficiale brutalità. Il cambiamento del governo è possibile solo per lotte interne”

next