Una delle pietre miliari della cinematografia italiana ed internazionale, fonte di scandalo e censura, “Ultimo Tango a Parigi” di Bernardo Bertolucci è andato in onda lunedì per la prima volta senza censure in prima serata su Rai2, nella versione integrale restaurata. Un commento al film del direttore della rete Carlo Freccero, ha introdotto la visione dell’opera che nel 1972 costò a Bertolucci la condanna per offesa al comune senso del pudore e la privazione dei diritti civili per cinque anni.

Una scelta, quella del direttore Freccero, che è stata accolta con favore dal pubblico sui social: “Bene che non vi siano state censure per #Ultimotangoaparigi , attendo però versione integrale anche di Brokeback Mountain, la prossima volta. Intanto, grazie Freccero”, scrive qualcuno. E ancora: “Un mitico Freccero irrompe sugli schermi per presentare Ultimo tango a parigi versione integrale. e chiude dicendo: saremo in pochi, ma saremo i migliori”; “#Ultimotangoaparigi non è pornografia in tv. Quella sono le fiction, le dottoresse giò, i talent del litigio, i donmattei, le stelle che ballano, alcuni telegiornali”. Non sono mancate però le critiche: “Com’è che mandano in prima serata su #Rai2 un film hard, senza censure? Non esiste più la fascia protetta? #Ultimotangoaparigi”, si legge tra i tweet.

La storia è quella tra Paulle e Jeanne, interpretati da Marlon Brando e Maria Schneider: un quarantacinquenne americano trapiantato a Parigi la cui vita dopo il suicidio della moglie sembra non avere più senso, e una giovane, figlia di un colonnello e fidanzata di un regista cinematografico emergente. La loro relazione, nata in un appartamento in affitto che i due casualmente si trovano a visitare insieme, si trasforma in un vortice di passione, amore e distruzione. A suscitare scandalo è sempre stata la “scena del burro”, con il rapporto sessuale violento tra Marlon Brando e Maria Schneider.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Adrian, Celentano non fa Celentano: pioggia di critiche sui social. Il mistero: Mediaset lo fa finire un’ora prima

prev
Articolo Successivo

Uomini e Donne, Tina Cipollari al vetriolo contro Gemma Galgani: “Sei una mummia ammuffita”

next