“Avevo 50 anni e lei 21, è stato un amore folle, poi ho capito che ero diventato suo papà“. Enzo Iacchetti ricorda così il suo rapporto con l’ex velina Maddalena Corvaglia. La loro relazione era nata proprio sul bancone di Striscia la Notizia, quando lui era conduttore e lei faceva i celebri “stacchetti”: ora le loro strade si sono separate ma in un’intervista al Corriere racconta la loro storia e come il loro rapporto incominciò ad incrinarsi.

“Dopo 6 anni ho cominciato a sgridarla per cose stupide. Lei mi chiedeva: ‘Andiamo in discoteca?’, io le rispondevo: ‘Ci ho passato la vita, ma a suonare, vai da sola’ – racconta -. Le prime notti dormivo, poi arrivava il sabato sera e mi angosciavo. ‘Perché non rientra?’, mi chiedevo sveglio a letto. Erano le sei e lei rincasava felice, aveva appena mangiato la brioche. Mi è stata fedele, ne sono certo. Aveva già la testa di una donna, studiava filosofia, con lei potevi fare discorsi di qualsiasi genere”.

Dopo di lei, altre aspiranti veline, hanno provato a corteggiarlo, ma lui non è mai stato interessato. A 66 anni, Iacchetti spiega di non avere da tempo rapporti intimi con le donne, ma non ha chiuso la porta a nuovi possibili incontri: “Adesso che sto invecchiando cerco un rapporto di anima, la parte sessuale di me si è trasferita nella testa: spero di riuscire ancora a far l’amore, ma penso che accadrà solo se troverò questo tipo di rapporto”.

Da tempo ormai il suo nome è legato a quello di Ezio Greggio, con il quale per un lungo periodo ha fatto coppia fissa alla conduzione del Tg satirico di Antonio Ricci: “Il pubblico si spacca: qualcuno dice che la vera coppia siamo io e il ‘signor Ezio’. Sinceramente? Penso che sia un’artista con una certa delicatezza, capace di gestire bene il suo personaggio e la sua simpatia. In comune abbiamo la passione per il musical, ma lei è molto più social”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francesco Chiofalo, lo sfogo in lacrime a Le Iene: “Io in sedia a rotelle? Mi uccido, mi butto giù da una finestra”

prev
Articolo Successivo

Sinead OʼConnor disperata: “Mio figlio è scomparso da venerdì, se sapete dovʼè avvisate la polizia”

next