Victoria Beckham segna sulla carta d’identità 44 anni, una bellezza che sembra non passare. Merito soprattutto dell’attenzione che l’ex Spice Girls riserva al suo corpo. A far notizia questa volta l’ultima sua stranezza, una particolare crema ottenuta utilizzando tra gli ingredienti anche qualche goccia di sangue. La moglie dell’ex calciatore ha tessuto le lodi del prodotto preparato per lei dal medico tedesco Barbara Sturm: “Dopo averla tenuta per tutta la notte la mia pelle sta benissimo, super idratata e pulita”, ha scritto su Instagram.

La crema contiene il suo sangue fatto passare attraverso alcune perline di metallo per simulare gli eventi biochimici legati alla coagulazione e produrre così due proteine, II-1 e Tgf-beta, attive contro l’infiammazione. L’efficacia di questo trattamento non ha basi scientifiche ma non è la prima volta che le star dello showbiz pubblicizzano prodotti a base di sangue.

Era già successo con Kim Kardashian, Bar Rafaeli e ultima Gwyneth Paltrow che ha suggerito iniezioni del proprio sangue per ottenere vantaggi sul sistema immunitario. Il prodotto annunciato da Posh Spice ha un costo a confezione di ben 1.360 euro. L’assenza di limiti al budget non è di certo una novità in famiglia. Solo qualche giorno fa nel mirino era finito il marito David, proprio per uno scatto postato su Instagram dall’ex cantante.

Una foto con il calciatore in compagnia del cane Olive: “Pisolino pomeridiano con papà“, la didascalia dell’immagine con il loro amico a quattro zampe con addosso una coperta di Louis Vuitton per un valore di 4.600 sterline, oltre cinquemila euro. Il cane, un cocker spaniel, è stato adottato quattro anni fa ed è subito diventato una celebrity con tanto di account Instagram seguito da oltre 70 mila follower. E per Olive i coniugi Beckham hanno assunto Barry Karacostas, un addestratore di livello.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Quattro Ristoranti, “bombardata” da recensioni negative: Tripadvisor “chiude temporaneamente” la pagina del ristorante vincitore Arcadia

prev
Articolo Successivo

Cuccarini-Parisi, continua il botta e risposta al vetriolo. Heather: “Un americano, ovunque viva, paga le tasse in Usa. Ah saperlo? Ora lo sai!”

next