Centosettanta vittime in due naufragi negli ultimi giorni nel Mediterraneo. L’ultima tragedia è avvenuta ieri. Le autorità libiche hanno avvistato un gommone in difficoltà. La Guardia costiera di Tripoli ha inviato una motovedetta – costretta a tornare indietro per avaria – e poi ha allertato un mercantile battente bandiera liberiana. Nel frattempo, un paio d’ore dopo, il gommone ormai semiaffondato è stato avvistato da un velivolo dell’Aeronautica militare italiana che ha riferito di 20 persone a bordo e poco dopo un elicottero della nostra Marina militare ha recuperato tre superstiti. Arrivati a Lampedusa, i naufraghi hanno riferito agli uomini dell’Oim, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, che sul gommone non c’erano solo altri 17 migranti, come emerso inizialmente, ma “circa 120, comprese 10 donne, di cui una incinta e due bambini, uno di appena qualche mese”, come racconta a ilfattoquotidiano.it Flavio Di Giacomo (Oim).

Le autorità libiche hanno inviato una nave mercantile sul posto: non è stato trovato nessun superstite, ha comunicato la Guardia Costiera italiana. Sul naufragio la procura militare di Roma ha acquisito gli atti “per una prima valutazione e per una compiuta informazione su quanto accaduto”. E un secondo naufragio – 53 i morti in questo caso – secondo l’Unhcr è avvenuto nei giorni scorsi nel Mare di Alborán, nel Mediterraneo occidentale. “E’ stato riferito che un sopravvissuto dopo essere rimasto in balia delle onde per oltre 24 ore, è stato soccorso da un peschereccio e sta ricevendo cure mediche in Marocco. Per diversi giorni navi di soccorso marocchine e spagnole hanno effettuato le operazioni di ricerca dell’imbarcazione e dei sopravvissuti, senza risultati”.

I vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini hanno commentato l’episodio con punti di vista diversi. Il leader leghista ha colto l’occasione per tornare ad attaccare le ong impegnate a recuperare i migranti – “tornano in mare, gli scafisti ricominciano i loro sporchi traffici, le persone tornano a morire, ma il cattivo sono io” – mentre Di Maio ha detto che è ipocrita parlare degli “effetti e non delle cause”. “Questi viaggi della disperazione nel Mediterraneo che provocano morti sono legati ad una fase coloniale ancora in atto in Africa ad opera di alcuni Paesi d’Europa”: “Ci sono Paesi europei, in particolare la Francia”, ha aggiunto, “che continuano a tenere sotto scacco l’economia africana impoverendola”.

Salvini: “Le ong tornano in mare e i migranti a morire” “Una riflessione: tornano in mare davanti alla Libia le navi delle ong, gli scafisti ricominciano i loro sporchi traffici, le persone tornano a morire. Ma il ‘cattivo‘ sono io. Mah…” ha detto Salvini durante una diretta sulla sua pagina Facebook, sottolineando che “una ong ha recuperato decine di persone. Si scordino di ricominciare la solita manfrina del porto in Italia o del ‘Salvini cattivo’. In Italia no”. Il titolare del Viminale poi ribadito: “Lo ribadisco, in Italia i porti erano e rimarranno chiusi. La difesa dei confini è costituzionalmente garantita e il ministro dell’Interno ci tiene che in Italia si entri chiedendo per favore e dicendo grazie”. Infine il commento: “Il naufragio di queste ore è la dimostrazione che se riapri i porti, che se permetti che tutti vaghino nel mar Mediterraneo imponendo le loro leggi alla faccia dei leggi dei singoli Paesi, ritornano i morti. Quindi no, no, no, cuori aperti per chi scappa davvero dalla guerra ma porti chiusi, per Ong, trafficanti e tutti gli altri”. Di diverso tenore la reazione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il Quirinale ha trasmesso un comunicato alle agenzie stampa in cui esprime “profondo dolore per la tragedia che si è consumata nel Mediterraneo con la morte di oltre cento persone, tra donne, uomini, bambini”. Il presidente della Camera Roberto Fico dal canto suo ha espresso “dolore, rabbia e tristezza. Salvare vite umane è quello che fa una società sana. Se non ci riusciamo è un terribile fallimento per tutti noi”.

Di Maio: “Effetto del colonialismo della Francia” Di Maio, parlando a Vasto, ha affermato che “saremo degli ipocriti se continueremo a parlare degli effetti e non delle cause. Questi viaggi della disperazione nel Mediterraneo che provocano morti sono legati ad una fase coloniale ancora in atto in Africa ad opera di alcuni Paesi d’Europa. Se la Francia non decolonizza veramente le decine di Paesi in cui stampa ancora addirittura il franco delle colonie africane, noi continueremo ad avere un’Africa povera ed un’Europa ipocrita, un’Europa che pensa agli effetti di cause che non ha mai affrontato”. “Ci sono Paesi europei, in particolare la Francia”, ha aggiunto, “che continuano a tenere sotto scacco l’economia africana impoverendola. E poi ci lamentiamo del fatto che partano questi barconi. Io d’ora in poi la smetto di parlare degli effetti: il più grande cordoglio per tutte le vittime, ma sono lacrime da coccodrillo quelle che sta versando una parte dell’Europa. Qui il tema sono gli interessi economici di Paesi europei che oggi stanno facendo il bello e il cattivo tempo nei Paesi Africani. Finchè non lasceremo l’Africa libera, gli africani partiranno sempre e il luogo degli africani non è il fondo del Mediterraneo, è l’Africa. E lì che devono stare e ci devono stare se noi li lasciamo in pace”.

Orlando: “Genocidio, ci sarà seconda Norimberga e Di Maio non potrà dire che non sapeva” – A rinfocolare la polemica è intervenuto invece il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, già protagonista di un duro scontro con il Viminale sul decreto sicurezza. “Continua un genocidio – ha detto Orlando – e direi al ministro Salvini: si farà un secondo processo di Norimberga e lui non potrà dire che non lo sapeva”. Orlando ha aggiunto che “se fosse confermato che la strage di questa notte nel Mediterraneo, che ha visto morire 117 uomini, donne e bambini, sia stata causata anche dal fatto che è stato vietato alla Marina militare italiana di intervenire in soccorso delle persone in difficoltà, è evidente che ci troveremmo di fronte ad un salto di qualità nella guerra ai diritti umani da parte del Governo italiano. Un salto di qualità che di fatto ci rende complici, come Paese, dei trafficanti di morte”.

Le parole dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni “Da tempo non assistevamo a un evento così drammatico“, dice Di Giacomo dopo aver ascoltato la testimonianza dei sopravvissuti. Stando al loro racconto, il gommone era partito giovedì notte da Garabulli, cittadina a est di Tripoli. A bordo c’erano migranti provenienti dal Sudan e dall’Africa occidentale. “Dopo 10-11 ore di navigazione, l’imbarcazione è affondata“, continua il responsabile delle pubbliche relazione di Oim Italia, specificando che “questi gommoni sono fatiscenti, quasi sempre dopo una decina di ore in mare cominciano a sgonfiarsi. I migranti finiscono in acqua e molti di loro non sanno nuotare“. Muoiono affogati. Di Giacomo riferisce anche che i tre sopravvissuti sono”scossi e traumatizzati“, hanno scottature da benzina “tipiche di questo tipo di naufragi”. Hanno raccontato di aver passato circa tre ore in mare, prima di essere avvistati e soccorsi dalla Marina che ha gettato delle zattere e poi li ha tratti in salvo con un elicottero. Ora non sono in pericolo di vita.

Il comunicato della guardia costiera italiana – “Una nave mercantile dirottata dai libici, giunta in zona, ha effettuato un’attività di ricerca non trovando alcuna traccia del gommone”, scrive in un comunicato la guardia costiera italiana. Precisa inoltre di aver “immediatamente verificato che la Guardia Costiera libica fosse a conoscenza dell’evento in corso all’interno della sua area di responsabilità SAR, assicurando alla stessa la massima collaborazione”. “Alla Ong Sea Watch che, intercettata la notizia dell’avvistamento, aveva contattato la Centrale operativa della Guardia Costiera italiana dando la propria disponibilità a partecipare alle operazioni di soccorso – si legge nella nota – è stato comunicato che la loro disponibilità sarebbe stata offerta alla Guardia Costiera libica, quale Autorità coordinatrice dell’evento”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Matera Capitale europea della Cultura 2019, Conte alla cerimonia inaugurale: “Da qui deve partire la riscossa del Sud”

prev
Articolo Successivo

Detersivo al posto dell’acqua: 28enne entra in un bar per bere ma gli viene servito del brillantante. E’ gravissimo

next