Un gommone con una ventina di migranti a bordo è naufragato al largo delle coste di Tripoli, in Libia. A darne notizia è la marina militare italiana che spiega che solo tre persone sono state messe in salvo e sono a bordo della nave Duilio. Tre i corpi recuperati mentre le altre persone sono disperse. L’imbarcazione, in precarie condizioni di galleggiabilità, era stata avvistata nel pomeriggio da un aereo della Marina Militare italiana a 50 km a nord dalle coste di Tripoli. Il velivolo ha lanciato 2 zattere in mare ed ha lasciato l’area per mancanza di carburante.

Così, un elicottero della nave Duilio ha recuperato un naufrago in mare e altri due sulle zattere in ipotermia, mentre altre 3 persone sono state viste in mare senza alcun apparente segno di vita. L’elicottero della Marina è ridecollato poiper l’evacuazione medica dei tre naufraghi che si trovano in “condizioni serie” verso Lampedusa. Il Centro di coordinamento libico ha dirottato un mercantile liberiano nella zona del naufragio, per verificare la presenza di altri sopravvissuti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Empoli, ragazzo morto durante intervento della polizia, i racconti dei testimoni: “Non parlava, si vedeva che aveva paura”

prev
Articolo Successivo

Sesto S. Giovanni, antifascisti in piazza contro convegno Casapound: “Sindaco concede spazio? Offesa alla storia”

next