“Grazie, 30mila adesioni a ieri sera”. Carlo Calenda, in un video postato su Twitter, fa il punto sul lancio del suo manifesto per una lista unitaria del fronte europeista alle prossime elezioni europee. “Abbiamo fatto un lavoro straordinario”, spiega l’ex ministro. Il manifesto, prosegue, vuole coinvolgere “l’Italia che fatica, studia, lavora, acquisisce competenza, produce. Questa Italia la dobbiamo mobilitare adesso non a fine marzo o aprile, dobbiamo costruire un meccanismo di partecipazione per cui questa Italia si senta rappresentata e non può farlo un solo partito”. Calenda si dice “molto contento” della reazione del Pd (“si è dimostrato compatto e unito“) e lancia un appuntamento: “Dobbiamo costruire una grande mobilitazione che arrivi al 21 marzo, quando Prodi ha proposto la grande giornata per l’Europa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, perché Renzi e la Boschi odiano il reddito di cittadinanza

prev
Articolo Successivo

Salvini tra broccoli e cipolle: la diretta Facebook finisce nell’orto. E sulle puntarelle: “Mai viste in 45 anni”

next