“Se escludiamo l’ipotesi di mettere la fiducia in Parlamento? Questo governo non ha mai inteso il voto di fiducia come è un gesto di prepotenza rispetto al Parlamento. Siamo ricorsi a questo voto quando era necessario”. A rivendicarlo, nel corso della conferenza stampa sul decreto per reddito di cittadinanza e quota 100, il premier Giuseppe Conte, parlando in conferenza stampa a Palazzo Chigi.
“Non credo ci sarà ostruzionismo per misure del genere che portano nelle case degli italiani lavoro e la possibilità di andare in pensione”, ha invece tagliato corto Luigi Di Maio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Quota 100, Salvini presenta il provvedimento: “Lo dedico alla Fornero. Punto di partenza per un’Italia più giusta”

next
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, Di Maio: “Chi non spende i soldi con la card entro il mese li perderà”

next