“Questa è una marchetta francese da chiudere il prima possibile“. Di Maio parla da Strasburgo in compagnia di Alessandro Di Battista che aggiunge. “Il movimento deve battagliare: ci fanno le pulci sul 2,4% e poi buttano 200 milioni di euro l’anno. Quindi una legislatura costa un miliardo di euro”. Di Maio si sofferma sul “caro prezzi”: “Quando ci si riunisce qui a Strasburgo, diventa la settimana del Parlamento. Serve anche a far girare l’economia. Non è solo uno spreco, ma il simbolo dell’arroganza dell’Ue che a noi rompe le scatole sulle pensioni di invalidità. Cominciamo a eliminare le marchette europee e a recuperare risorse. Qui dentro c’è una seduta plenaria. Noi non entriamo, ci vediamo nei prossimi giorni”. Conclude Di Battista: “Macron e i francesi danno lezioni sui parametri, quando poi i primi a sprecare sono altri. Questa ipocrisia deve finire”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Battisti, Bonafede: “Passerella? No, offensivo non andare”. Padellaro: “Salvini si è preso tutta la scena”

next
Articolo Successivo

Battisti, Bersani: “Indecorosa banalizzazione. Scopriremo che è stato Salvini ad arrestarlo vestito da Nembo Kid”

next