Lega in piazza per manifestare a favore del completamento della linea Torino-Lione. “Fin dall’inizio sapevamo che avevamo posizioni differenti con il M5s su questo tema, ma credo che il M5s che fa della democrazia diretta una bandiera non potrà non essere d’accordo sul referendum” dichiara Riccardo Molinari. Nell’intervista al Fatto.it dalla piazza, il capogruppo della Lega alla Camera apre (anzi conferma) un’altra ipotesi, che potrebbe essere una terza via per il governo: “Speriamo prevalga la politica sull’analisi dei tecnici come è avvenuto per il Terzo Valico, magari trovando nuove modalità di esecuzione ma senza mettere in discussione l’opera”. Il riferimento è alla mediazione proposta da Salvini raccontata in un retroscena dal Messaggero: l’opzione che potrebbe essere la base di un accordo è di rinunciare al tunnel sotto la Collina Morenica tra Rivoli e Avigliana, con un risparmio – stima il quotidiano romano – di circa 2 miliardi. E poi ridurre la stazione di Susa rispetto al progetto attuale, con un risparmio di altri 500 milioni. Questa proposta servirebbe, nelle intenzioni di Salvini, a trovare l’accordo con il Movimento 5 Stelle scongiurando l’ipotesi del referendum.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, indagati per Gradisca il prefetto di Venezia e l’ex di Treviso. Accuse di associazione a delinquere e truffa per 42

prev
Articolo Successivo

Fontana di Trevi, le monetine non più alla Caritas: “Ipotesi è usarle per restauro monumenti e progetti sociali”

next