“Vi sto raccontando quello che so perché voglio evitare che vi troviate un esercito di kamikaze in Italia”. È iniziata con queste parole di un pentito del Jihad, l’indagine della Dda di Palermo che ha portato al fermo di 14 persone nelle province di Palermo, Trapani, Caltanissetta e una a Ome, nel Bresciano. Le accuse sono di istigazione a commettere delitti in materia di terrorismo, associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e al contrabbando di tabacchi lavorati esteri, ingresso illegale di migranti nel territorio nazionale ed esercizio abusivo di attività di intermediazione finanziaria.

“Minaccia concreta alla sicurezza nazionale” – Al centro dell’inchiesta, condotta dal Ros dei carabinieri coordinati dal procuratore aggiunto Marzia Sabella e dai sostituti Gery Ferrara e Claudia Ferrari, c’è la tratta di migranti dalla Tunisia a bordo di scafi veloci. Gli appartenenti all’organizzazione criminale avrebbero rappresentato “una attuale e concreta minaccia alla sicurezza nazionale“, secondo quanto scrivono gli stessi magistrati della Direzione distrettuale antimafia, guidati da Francesco Lo Voi, nel provvedimento di fermo. 

Per i pm c’erano legami con jihadisti – Gli investigatori parlano di “rischio terrorismo di matrice jihadista” e a loro avviso “sussistono significativi ed univoci elementi” per ritenere che l’organizzazione sia attualmente pericolosa perché fornisce “a diversi clandestini un passaggio marittimo occulto, sicuro e celere che, proprio per queste caratteristiche, risulta particolarmente appetibile anche per quei soggetti ricercati dalle forze di sicurezza tunisine, in quanto gravati da precedenti penali o di polizia ovvero sospettati di connessioni con formazioni terroristiche di matrice confessionale”, dicono i magistrati.

La propaganda islamista di un fermato – Uno degli indagati, in particolare, risulta essere contiguo “ad ambienti terroristici a sfondo jihadista pro Isis in favore di cui, attraverso la sua pagina Facebook, ha posto in essere una significativa azione di propaganda jihadista con incitamento alla violenza ed all’odio razziale”. E un “ulteriore segno di radicalizzazione a sfondo religioso” è rappresentata, secondo gli inquirenti, dall’iscrizione dell’indagato al gruppo Facebook “Quelli al quale manca il paradiso”.

“Martirio unica via per il paradiso” – Sul profilo Facebook dell’indagato, sottolineano ancora i magistrati della Dda palermitana, sono state trovati video e foto che inneggiavano all’Isis e con immagini di decapitazioni e sui social scriveva: “Il martirio e la jihad la sola via per aspirare al paradiso”. L’uomo è ritenuto uno dei cassieri dell’organizzazione e i pm sospettano che abbia usato il denaro guadagnato coi viaggi nel Canale di Sicilia anche per finanziare attività terroristiche.

Le risorse investite in immobili e banche – Le risorse economiche, stando all’indagine, “venivano infatti in parte occultate in proprietà immobiliari e in altra parte depositate in banche tunisine su conti fittiziamente intestati a soggetti residenti in Tunisia, circostanza questa che, per quanto emerso grazie alle intercettazioni svolte, avrebbe suscitato l’attenzione del Battaglione Anti-Terrorismo Tunisino il quale starebbe svolgendo delle investigazioni volte ad accertare la finalità di sospette operazioni finanziarie” che vedrebbero coinvolto uno fermati.

Come nasce l’inchiesta – Tutto è iniziato grazie alla collaborazione di un detenuto nel carcere di Genova che ha raccontato agli inquirenti di essere a conoscenza dell’esistenza di una organizzazione criminale che gestiva un traffico di esseri umani, contrabbandava tabacchi e aiutava ad espatriare soggetti ricercati in Tunisia per reati legati al terrorismo. “Vi sto raccontando quello che so perché voglio evitare che vi troviate un esercito di kamikaze in Italia”, ha riferito. E a quel punto è scattata l’indagine conclusa con l’operazione di oggi.

“I ricercati pagano di più” – “I clandestini normali – ha ricostruito – pagano 5.000 dinari tunisini mentre le persone che sono ricercate in Tunisia, per vari reati compreso il terrorismo, pagano da 10.000 dinari in su”. Durante il viaggio per la Sicilia, ha spiegato, “insieme a me c’erano altri dieci clandestini, solo uomini, tutti tunisini e all’interno dello scafo c’erano anche 20 scatole di sigarette di contrabbando.Quella notte, dopo essere sbarcato ed essermi immediatamente allontanato sono andato a Marsala“. Pochi giorni dopo, ha aggiunto, “in un bar del centro ho incontrato un mio connazionale di nome Monji Ltaief e ho appreso che era al servizio di un soggetto di nome Fadhel conosciuto anche come Boulaya per via della sua barba molto folta”. L’uomo – secondo il racconto del pentito – sarebber “ricercato in Tunisia per aver sparato a personale della guardia costiera tunisina e per tale motivo avrebbe da scontare 21 anni di carcere in quel Paese e per quanto mi è stato detto nel 2011, nel corso della rivoluzione tunisina, sarebbe evaso”.

Il racconto del pentito: “Anche terroristi” – Una volta – ha detto – un gommone “è riuscito a scappare e a bordo c’erano anche tre ‘barboni’ indicati come terroristi”. Nel giugno 2016, ha ripercorso ancora, “ho incontrato un tunisino di nome Ahmed e so per certo che è ricercato in Tunisia per terrorismo ed è arrivato in Italia da qualche mese. Attualmente dovrebbe vivere a Palermo insieme a suo fratello più giovane e ad una ragazza di nome Ameni, forse tunisina. Ha aiutato diversi terroristi a espatriare pare verso l’Italia e per questo motivo – ha spiegato – ritengo che sia egli stesso un terrorista”.

Le intercettazioni – “…Sedici volte sono andato in Tunisia, sedici volte vado in Tunisia e torno…”. Così, senza sapere di essere intercettato, parlava uno degli indagati. Secondo quanto ricostruito dalla procura, il gruppo criminale organizzava traversate veloci dal Paese nord-africano in cambio di 2.500 euro a migrante. In un’intercettazione, l’indagato Aymen Fathali telefonava a Mohamed alias Hamma “con il quale affrontava, sin da subito, rilevanti questioni inerenti la possibilità di poter attivare una direttrice di transito Tunisia/San Vito lo Capo, evidenziando di essere solito ad effettuare simili traversate”, si legge nel provvedimento di fermo.

“Ieri c’è stato uno sbarco” – Il dialogo, scrivono i magistrati, “poneva altresì in evidenza che Mohamed alias Hamma voleva fare arrivare in Italia il fratello, circostanza questa che faceva rammaricare Aymen Fathali il quale evidenziava che avrebbe dovuto saperlo prima, atteso che proprio il giorno precedente c’era stato uno sbarco“. Nel dialogo, evidenziano gli inquirenti, “dopo che Aymen Fathali faceva cenno a dei soggetti che avrebbe potuto interessare per la specifica vicenda (definiti, con termine affaristico, broker), si registrava quindi la rassicurazione del fatto che il fratello di Mohamed, grazie a Aymen Fathali ed al suo circuito di riferimento, sarebbe giunto illegalmente in Italia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rigopiano, i Ris ‘segnalarono’ nel 2017 la chiamata di soccorso del cameriere alla prefettura: ‘Spunti interesse investigativo’

prev
Articolo Successivo

Caso Spataro, il Csm “assolve” Salvini: “Non ha leso l’indipendenza del pm”. Che si dice “perfettamente d’accordo”

next