Una eventuale ricapitalizzazione precauzionale di Carige sarebbe “un’operazione temporanea” in quanto la partecipazione dello Stato “dovrà essere dismessa quando terminerà il periodo concesso per la ristrutturazione. Una nazionalizzazione sarebbe quindi a termine“. A spiegarlo Giovanni Tria, ministro dell’Economia, rispondendo al Question time sul dl per il salvataggio della banca, rivendicando come “la soluzione di mercato sarebbe preferibile“. Non senza precisare come al momento “non è possibile stabilire se si materializzerà l’emergenza” tale da richiedere la ricapitalizzazione precauzionale prevista dal decreto. “È stato fatto notare che il decreto legge è analogo al decreto del 2016. È cosi infatti poiché non è cambiata la cornice normativa dell’Unione Europea in cui il supporto alla liquidità si iscrive”, ha aggiunto il ministro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, “consegnata l’analisi costi-benefici”: l’annuncio del professor Marco Ponti

next
Articolo Successivo

Puglia, Emiliano ‘mette’ Cassano (ex Fi) alla guida di Arpal. M5s: “Sagra delle poltrone, scelta in vista delle Regionali”

next