Il presidente Mattarella, nei giorni scorsi, ha riconosciuto le onorificenze della Repubblica a 33 cittadine e cittadini italiani che hanno “onorato” la Costituzione con gesti di solidarietà, di accoglienza, di inclusione sociale, di impegno contro i muri del razzismo e delle discriminazioni. Tra loro Roxana Roman, titolare del bar Roxy alla Romanina, a pochi metri dalle ville fortezza del clan Casamonica. Questa signora, arrivata dalla Romania insieme al marito Marian, ha avuto il coraggio di ribellarsi alla prepotenza e alla violenza di Antonio Casamonica e dei suoi sgherri.

Nel maggio dello scorso anno una ventina di persone riempie il bar. Una lunga fila attende il proprio turno al bancone. Antonio Casamonica e i fratelli Di Silvio non intendono rispettare la fila e cominciano ad insultare i baristi “rumeni” e i clienti. Una signora disabile li invita a moderare suoni e toni. La buttano a terra e cominciano a colpirla con le cinghie dei pantaloni. Quasi tutti i presenti escono a capo chino, senza neppure tentare di fermare la furia della banda, ma Roxana e il marito non tacciono, li contrastano, urlano, resistono, li cacciano dal locale.

“I violenti valgono niente se le persone li contrastano” dichiara Roxana a Floriana Bulfon, una coraggiosa cronista anche lei aggredita dai Casamonica e che, sin dal primo momento, ha “illuminato” il Roxy Bar. Da quel giorno il comitato di quartiere, Libera di Don Ciotti, associazioni di giornalisti come Articolo 21 e No bavaglio, insegnanti e studenti della zona si sono trasformati in scorta civica non solo per Roxana e per i suoi familiari, ma anche per quanti hanno continuato a contrastare mafie, ingiustizie e insicurezze sociali.

Ora è arrivato anche il giusto riconoscimento da parte del Quirinale; tuttavia Roxana, il marito, i figli continuano a non godere della cittadinanza italiana che pure hanno più volte richiesto e sollecitato. Dal momento che l’articolo 54 della Costituzione recita “ Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica, di osservare la Costituzione e le leggi” non sarà il caso di esaudire la richiesta di questa famiglia rumena che ha difeso leggi e Costituzione mentre tanti altri, cittadini italiani a tutti gli effetti, preferiscono scappare dal “bar della legalità”?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emigrati, 285mila in fuga dall’Italia nel 2017? Ecchissenefrega

next