“L’unica cosa giusta da fare in questi casi è chiamare le forze dell’ordine e denunciare“. Non ha dubbi Roxana, la moglie del titolare del Roxy Bar dove il giorno di Pasqua due esponenti del clan Casamonica, Antonio Casamonica e suo cugino Alfredo Di Silvio, hanno aggredito prima una disabile e poi il marito. Adesso, si è mossa anche la magistratura, con l’indagine affidata ai magistrati della Dda romana

Lei, che aveva convinto il marito a riaprire dopo due giorni di chiusura, perché quel locale è la loro vita, lo dice chiaro e tondo: “Io non ho paura, non la ho mai avuta. A prescindere da chi sono e di chi è la nazionalità”. Assicurando che ora il marito sta bene, Roxana racconta che la signora – presa a cinghiate e scalciata dai due, perché aveva reagito di fronte alla loro prepotenza e al desiderio di essere serviti subito – è “tornata qui anche nei giorni dopo, la ammiro perché è l’unica che ci ha aiutato“.

La disabile ha invece ripercorso con il Corriere della Sera gli attimi dell’aggressione: “Urlava contro il barista che conosco da una vita, è un amico, e io gli ho semplicemente ricordato l’educazione“, ha detto. “Mi ha urlato tu non sai con chi stai parlando, poi ha iniziato a picchiarmi, mi ha sputato in faccia, mi ha preso per il collo”, ricorda. Poi le grida, le minacce: “Quell’uomo mi stava pestando a calci e mi diceva “ti ammazzo” – spiega la donna, invalida civile – Io gli ho risposto che sì lui mi ammazzava, ma poi andava in galera”.

Intanto la procura di Roma ha aperto un’indagine per lesioni, minacce e danneggiamento nei confronti dei due membri del clan, che spadroneggia alla Romanina. Il fascicolo è in mano ai pm dell’Antimafia che stanno valutando la possibilità di contestare l’aggravante mafiosa sia a Casamonica che a Di Silvio.

Dopo che la notizia del pestaggio, avvenuto lo scorso 1 aprile, è stata anticipata da Repubblica, è intervenuto anche il ministro dell’Interno Marco Minniti: “Ho telefonato al capo della Polizia Franco Gabrielli, al quale ho chiesto una risposta ferma e tempestiva – ha detto il titolare del Viminale – Atti di questo tipo non possono rimanere impuniti”.

In giornata, la sindaca Virginia Raggi ha fatto visita ai proprietari del locale. Su Twitter, la prima cittadina ha scritto: “Uniti contro la criminalità. Le immagini dell’aggressione dei Casamonica nei confronti di una donna disabile e un barista sono inaccettabili. Le istituzioni non abbassano lo sguardo. #FuoriLaMafiaDaRoma”. Il governatore della Regione Lazio ha invece annunciato un “contributo economico a titolo di risarcimento per i danni ricevuti” e la costituzione di parte civile nel processo: “Non si possono tollerare soprusi e violenze di questo tipo”, ha spiegato Nicola Zingaretti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, l’ultimo orrore dei Casamonica: il barista non li serve per primi, loro picchiano e frustano una cliente disabile

next
Articolo Successivo

Migranti, dopo 30 ore la Guardia costiera dà l’ok al trasferimento sulla Aquarius dei 105 salvati dalla ong Open Arms

next