Un ragazzo italiano è scomparso in Burkina Faso da quasi 20 giorni. Si tratta di Luca Tacchetto, 30enne di Vigonza, in provincia di Padova. Il giovane, figlio dell’ex sindaco della cittadina è sparito nel nulla durante un viaggio nel paese africano. “Sono ore di angoscia“, dice la famiglia Tacchetto in attesa di notizie.

Il 30enne era in vacanza insieme all’amica Edith Blais, 34enne canadese. Secondo le ultime notizie i due stavano andando in macchina, una Megane Scenic, verso la capitale, Ougadougou. Qui avrebbero cenato a casa di una coppia con cui avevano un appuntamento. L’intenzione di raggiungere la città principale del paese africano è stata confermata anche sui social dagli amici di Luca e Edith. Le ultime foto pubblicate sul profilo della 34enne risalgono al 15 dicembre. Negli scatti i due sono sorridenti, ritratti tra le dune del deserto e in diverse città africane.

La Farnesina ha subito preso contatti con la famiglia di Tacchetto e con le autorità locali del Burkina Faso. La destinazione finale di Luca ed Edith, riporta il Gazzettino, era il Togo. Il 30enne architetto padovano doveva raggiungere un amico conosciuto lo scorso anno in California a cui aveva promesso un aiuto nella realizzazione di un villaggio. Per questo aveva scelto di partire in auto. Da Vigonza per migliaia di km era passato prima in Francia e Spagna, poi in Marocco tramite lo stretto di Gibilterra, in Mauritania, in Mali e infine Burkina Faso. Alla frontiera Mauritania-Mali i due giovani avevano conosciuto una coppia francese residente in Burkina che li aveva invitati a cena.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brasile, Bolsonaro vara purghe per i dipendenti pubblici: “Fuori subito 300 comunisti”. Riassunti se “convertiti”

prev
Articolo Successivo

California, sparatoria al bowling. Polizia: “Tre morti e quattro feriti”

next