Dopo aver girato il mondo con Pechino Express, Costantino della Gherardesca va in giro per l’italia con il suo nuovo quiz “a domicilio”. Si intitola “Apri e vinci” e andrà in onda su Rai2 dal 7 gennaio, dal lunedì al sabato alle 16.45 e la domenica alle 20.00. Questo è il primo quiz senza studio e senza pubblico in onda, perché il conduttore Costantino della Gherardesca entra letteralmente nelle case degli italiani. 

Il programma inizia con il suono del citofono e una domanda. Se la risposta è esatta, Costantino sale in casa insieme alle telecamere e il gioco inizia. Possono giocare tutti coloro che sono di casa: mamma e papà, coinquilini, conviventi, amici, figli, zii e nipoti. In palio un montepremi in gettoni d’oro che si può vincere rispondendo correttamente a 10 domande di difficoltà e valore crescente. Per ogni risposta esatta i partecipanti aumentano il loro bottino. Due risposte sbagliate e i soldi, insieme al conduttore, si spostano in un’altra casa. A metà del percorso i concorrenti devono dimostrare di conoscere davvero bene la propria casa. Una domanda del quiz, infatti, è incentrata proprio su un dettaglio dell’abitazione. Ogni famiglia partecipante – se in difficoltà – ha diritto a un solo bonus durante il percorso di gioco: l’aiuto del vicino di casa.

Se i concorrenti riescono ad arrivare alla domanda finale, sono messi di fronte a una scelta: fermarsi e tenere quanto accumulato fino a quel momento, oppure rimettersi in gioco e provare a rispondere alla “Domanda Porcellino”, per vincere il montepremi in palio, 2500 euro in gettoni d’oro stipati dentro un salvadanaio a forma di maialino. Anche i passanti che Costantino incontra per strada hanno la possibilità di essere parte del quiz, e vincere un gadget del programma, un apri-bottiglie, rispondendo correttamente alle sue domande.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Masterchef All Stars, Igino Massari furioso con la concorrente che sbotta: “Non cucino pollo, faccio quello che mi piace”

prev
Articolo Successivo

La casa di carta 3, Berlino e il Professore si incontrano in piazza del Duomo a Firenze: “Come è possibile?”. Sul set lo stupore dei fan

next