È stata aperta un’inchiesta dalla Procura di Lucca sulla morte, all’interno della sua cella nel carcere di San Giorgio, di Massimo Zamagnini, operaio di 55 anni, avvenuta lo scorso 26 dicembre. L’uomo, che doveva scontare una pena di 1 anno e 10 mesi per reati contro il patrimonio, è stato trovato senza vita dagli agenti della polizia penitenziaria, probabilmente a causa di un malore. Il detenuto, malato cronico, si era visto rifiutare, tramite il suo avvocato, gli arresti domiciliari per tre volte dall’inizio del 2018.

Come riporta la cronaca lucchese della Nazione, il pubblico ministero Antonio Mariotti ha aperto un fascicolo contro ignoti e ha disposto l’autopsia sul corpo dell’uomo, grazie alla quale si capiranno le cause reali del decesso e se siano presenti responsabilità da parte del personale del penitenziario. Una notizia che ha generato una protesta violenta degli altri detenuti. Ad alzare la voce sono stati sopratutto quelli della terza sezione, la più problematica del carcere, che hanno cominciato a sbattere pentole sulle inferriate. La tensione è arrivata a un punto tale che si sono verificate risse fra gli stessi carcerati: quattro di loro sono stati ricoverati in infermeria.

“Ho presentato una interpellanza al ministro della Giustizia Bonafede sulla morte nel carcere di Lucca del detenuto Massimo Tamagnini, che reputo assai inquietante e meritevole di approfondimento” afferma in una nota Pierantonio Zanettin, deputato di Forza Italia. In attesa del verdetto dell’autopsia – che arriverà tra 90 giorni – i familiari del detenuto morto hanno nominato un perito di parte. Quella del San Giorgio di Lucca è la seconda morte in cella dal 2016. Come fa sapere Franco Corleone, garante per i diritti dei detenuti della Toscana, dal 2017 sono almeno 60 i detenuti in tutti Italia a essersi tolti la vita.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ultras, il questore di Napoli: “Nelle curve c’è zoccolo duro di violenti e non sono pochi. Al S. Paolo si coagulano criminali”

prev
Articolo Successivo

Tap, tensione al cantiere del gasdotto: attivisti tentano di bloccare camion. Manifestante portato in questura

next