È stata rimossa all’alba di venerdì mattina dalla Piazza del Parlamento di Budapest la statua in memoria di Imre Nagy, leader della rivolta nella capitale ungherese del 1956 che venne repressa dall’intervento dell’esercito sovietico. Bollato dagli esponenti del governo di Viktor Orban più volte come “un comunista dei peggiori” e accusato di essere collaboratore del Kgb sovietico durante lo stalinismo, Nagy nella memoria storica degli ungheresi è un martire della rivolta e un eroe nazionale.

Secondo quanto riferisce il quotidiano locale 24.hu, la statua è stata demolita e i pezzi impacchettati su un semirimorchio. All’agenzia stampa ungherese MTI, il capo del programma di Imre Steindl Tamás Wachsler ha invece affermato che la composizione scultorea di Imre Nagy è stata consegnata per il restauro prima del riassemblaggio. Il monumento dovrebbe essere spostato, dopo il restauro, nella piazza Jászai Mari, in occasione dell’anniversario dell’esecuzione avvenuta il 16 giugno.

“Orban ha allontanato l’università Ceu (l’università fondata da George Soros, con Michael Ignatieff come rettore), i tribunali imparziali, oggi il monumento di Imre Nagy, e quando sarai tu il prossimo?” attaccano in una nota di protesta le opposizioni. Al posto della statua sarà ricostruito un monumento dell’epoca antecedente alla seconda guerra mondiale, consacrato alle vittime del “terrore rosso” del 1919. Il cambio fa parte della lotta culturale ed identitaria del governo Orban contro i valori del liberalismo e della sinistra ungherese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Germania, mancano specialisti: l’esercito tedesco cerca reclute tra cittadini Ue. Il piano: “Particolare interesse per italiani”

prev
Articolo Successivo

Cairo, esplosione su un bus di turisti vietnamiti: quattro morti e 11 feriti. Raid della polizia nella zona: 40 morti

next