Così a Natale ci si ritrova intorno a un tavolo. Vecchi amici che hanno preso strade diverse: un dipendente pubblico, un disoccupato, un imprenditore che ha avuto fortuna e un avvocato di un grande studio legale. Si comincia a parlare con cautela, perché, si sa, la vita porta su posizioni anche lontane. Si è partiti insieme, magari sui banchi di scuola, condividendo i viaggi, la scoperta del mondo, gli amori. Ma poi la vita allontana, sono diverse le idee. Diversa è stata anche la fortuna. Però, parola dopo parola, ci si accorge che un pensiero lega tutti: la pesantezza, che non dipende soltanto dal pranzo di Natale. E’ una sensazione di oppressione, di asfissia. Mancano le idee, gli ideali. Non c’è più nessun senso del futuro.

E sarà pure diverso l’oggetto della speranza, ma c’è una cosa che unisce e viene ancora prima: il bisogno di sperare.

Allora parlando ci si accorge che tutti danno un nome, un volto, a questa Italia plumbea: Matteo Salvini.
Un’Italia dove non ci si prende le proprie responsabilità, ma si sanno solo attribuire colpe (agli altri, ovviamente).
Un’Italia dove si sbandiera una finta uguaglianza non per cancellare i (propri) privilegi, ma per ignorare i meriti (degli altri).
Un’Italia che non riesce a darsi un volto, ma sostiene di difendere la propria identità.
Un’Italia che vuole fare la voce grossa, ma non ha niente da dire.
Un’Italia che dimentica la sua più grande ricchezza: l’umanità.
Eccolo il campione di questa Italia, il selfie made man. Lui si fa sempre fotografare: ai funerali delle vittime del Ponte o nel giorno in cui a Pesaro viene ucciso un uomo. Gli altri crepano e lui twitta.
Noi restiamo senza futuro mentre lui si mangia la Nutella.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Molise, spunta l’albero fatto all’uncinetto da 100 donne contro lo spopolamento: “Qui i paesi stanno morendo”

prev
Articolo Successivo

Sfera Ebbasta, lo dico da donna: c’è ben altro che una canzone trap per cui indignarsi

next