“È una situazione che va avanti da parecchio tempo. A primo impatto sembra pulito ma il problema è che le formiche sono intorno: ai bordi delle scrivanie e dei muri. È proprio un’invasione, se fossero state poche formiche non avrebbero chiuso”. Lo racconta una paziente del pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli, che ieri ha dovuto chiudere per un’ora l’accettazione per disinfestare.“I nas sono arrivati e spostando un armadietto hanno trovato un piccolo focolaio di formiche nella stessa stanza che stamattina era stata chiusa per essere ripulita. Ma come è possibile?” dice il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, il primo a far girare la notizia della chiusura di una stanza del pronto soccorso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ponte Morandi, procuratore di Genova Cozzi: “Inaugurarlo ad aprile-maggio 2020? Altamente improbabile”

prev
Articolo Successivo

Aprilia, 15enne lancia tre molotov a scuola: panico tra i compagni e istituto evacuato. Lo studente era stato bullizzato

next