Altre due persone sono state indagate della Procura di Ancona per la calca nella discoteca Lanterna azzurra in cui morirono sei persone. Si tratta di Marco Cecchini, uno dei dj del locale – figlio di Quinto Cecchini, uno dei soci della Magic srl che gestisce la discoteca (anche lui indagato) – e dell’addetto alla sicurezza Gianni Ermellini. Per loro l’accusa è la stessa degli altri 7 indagati adulti (i tre gestori e i 4 proprietari dell’immobile): concorso in omicidio colposo aggravato. Indagato anche un minorenne sospettato di avere usato spray al peperoncino. Dei nuovi indagati si è appreso in sede di conferimento di incarichi per le perizie da parte delle due Procure, quella minorile e quella ordinaria, notificate agli indagati e alle parti lese, che al momento sono 23.

Le domande dei magistrati riguardano la presenza del principio attivo del peperoncino nel locale e si concentrano in particolare sul sistema di generazione di fumi per le coreografie e in quelli di ventilazione e aerazione. Saranno anche esaminati i congelatori e gli impianti di refrigerazione dei bar del locale, in particolare quello vicino all’uscita 2. I periti nominati sono: il professore ordinario di fisica tecnica ambientale dell’Univpm Costanzo di Perna, e l’ingegnere civile del comando generale dell’Arma Marcello Mangione. I due saranno supportati dal Racis di Roma.

I periti effettueranno domani un sopralluogo nella discoteca insieme ai tecnici dell’Arpam. Si dovrà inoltre verificata la conformità dei luoghi rispetto alle autorizzazioni per attività di spettacolo. Alcuni giorni fa Marco Cecchini aveva raccontato che uno dei ragazzi presenti quella sera in discoteca era venuto da lui, raccontando di avere subito il furto di una catenina da una persona che gli aveva spruzzato dello spray al peperoncino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scontro treni Andria-Corato, il gup rinvia tutti a giudizio: ‘Non fu tragica fatalità. Violate norme sicurezza, vertici sapevano’

prev
Articolo Successivo

Morandi, ex ministro Delrio ascoltato dai pm: “Mai saputo di ammaloramenti”. Ma nel 2016 interrogazione avvertì di criticità

next