Il direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici della Cattolica, Carlo Cottarelli, se da un lato giudica positivamente il fatto che il governo abbia evitato il rischio di una procedura d’infrazione per deficit eccessivo ai danni dell’Italia, dall’altra sulla manovra ha un giudizio negativo perché “dal punto di vista dei conti pubblici non risolve i problemi che abbiamo: il debito pubblico rispetto al Pil non scenderà, il che vuol dire che restiamo esposti a incidenti di percorso e incertezze che si possono verificare sui mercati internazionali. La cosa che mi preoccupa di più – spiega Cottarelli – è che l’economia europea rallenti e che questo ci mandi in recessione“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mattarella: “Questa era l’unica maggioranza possibile. Tutti rispettino i limiti della Costituzione’

next