Rischiavano di finire nelle mani sbagliate, magari quelle di investitori pronti a recintarla, ma ora, grazie agli ambientalisti sono salve. Un pezzo di Sardegna, simbolo dell’isola, le dune di Chia, sono state acquistate dal Gruppo di intervento giuridico, un’associazione nota per le mille battaglie, combattute spesso anche contro i tribunali, in nome dell’ambiente.

Il Girg ha firmato dal notaio un preliminare d’acquisto, comprando per 100mila euro un’area di 4 ettari, prima di un privato che l’aveva ricevuta in eredità. Nei documenti molte collinette di sabbia, le dune appunto, e un ampio tratto di spiaggia che arriva a pochi metri dal mare. Da lì, poi, parte l’area demaniale che non è acquistabile. La zona è quella di Su Giudeu fatta di acqua cristallina, sabbia finissima, insomma un paradiso immerso nella spettacolare cornice sarda.

“La trattativa è stata delicata – ha raccontato all’Ansa Stefano Deliperi, fondatore e anima del Grig – in mezzo c’erano degli investitori arabi pronti a fare l’affare del secolo”. Il regalo, ha spiegato ancora Deliperi, è soprattutto per i figli e i nipoti. “Lo abbiamo fatto per tutelare l’ambiente e la nostra identità: non volevamo che, come successo da altre parti in Sardegna, ci fosse impedito di godere appieno dei nostri tesori relegandoli magari dentro un recinto”. “Dune e spiaggia – ha concluso- erano private. Chi ce le ha vendute le ha ricevute in eredità. E arrivano quasi sino al mare. La parte di demanio è una striscia di uno o due metri”. L’obiettivo ora è quello di tenere queste aree aperte e fruibili da tutti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terzo valico e Tap, avanti coi lavori. Che fine hanno fatto le analisi costi-benefici?

next
Articolo Successivo

Basilicata, nasce un nuovo impianto eolico. Ancora più energia, sempre meno paesaggio

next