Babbo Natale? È molto sexy. Incredibile ma vero, con quella sua barba bianca e il completo rosso, Santa Claus ha dato vita a un filone porno-fetish sempre più seguito. Cosa si fa? Semplice, si fa l’amore con personaggi travestiti da Babbo Natale. Una ricerca condotta su “Fetlife”, il social della comunità sadomaso, e ripresa da Dagospia, svela che ci sono molti eventi dedicati a questo tipo di pratiche. E il web è zeppo di confessioni anonime e descrizioni dettagliate di fantasie su di lui. Esiste addirittura una letteratura erotica dedicata al tema e illustrazioni pornografiche, un fetish soprattutto stagionale con tanto di “pornamenti”, addobbi porno da mettere sull’albero.

Il gruppo fetish più popolare è quello riceve lo “spanking” da Santa Claus, ovvero si fa sculacciare. Proprio qualche giorno fa – dice Dagospia – si è tenuta una festa a tema: il proprietario di casa era vestito da Babbo Natale, gli ospiti si sedevano a turno sulle sue ginocchia, sceglievano un regalo dal sacco e potevano pescare degli attrezzi punitivi, il che significava che erano stati cattivi e andavano corretti. Non solo. Su “Craigslist” sono in tanti, uomini e donne, a cercare un sosia di Babbo Natale da incontrare sotto le lenzuola, ovviamente meno vecchio e con meno pancia di quello “vero”.

A tutto ciò alcuni esperti hanno dato una spiegazione: Babbo Natale verrebbe percepita come figura dominante, e dunque si presta molto alle pratiche fetish. Si tratta di una fusione perfetta di autorità maschile e comprensione, in grado di stuzzicare gli appetiti sessuali in modo molto più frequente di quel che si immagini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cunnilingus, qualche suggerimento per avere esperienze strabilianti

prev
Articolo Successivo

Pornhub, ecco i dati di fine anno: la pornostar più amata, “l’ascesa” de El Nino, e cosa cercano gli italiani

next