Un’italiana di 37 anni è morta e altre 43 persone sono rimaste ferite, tre delle quali in modo grave – compresi i due autisti genovesi – in un incidente che ha coinvolto un pullman Flixbus. Mentre il bus percorreva un tratto dell’A3 vicino a Zurigo, il pullman italiano partner della società tedesca, partito da Genova e diretto a Dusseldorf, in Germania, si è schiantato contro un muro per cause ancora da accertare mentre viaggiava sotto una intensa nevicata, con la strada ghiacciata.

A bordo c’erano 51 persone. Alla guida i due conducenti di 57 e 61 anni, entrambi di Genova e in gravi condizioni: il più anziano – che non era al volante al momento dello schianto – rischia la vita. Tra i passeggeri, 16 connazionali. I ricoveri, che hanno riguardato quasi la totalità dei viaggiatori, sono avvenuti in vari ospedali della zona. Per la vittima, invece, fin da subito non c’è stato nulla da fare. Si chiamava Nicoletta Nardoni e viveva nel Comasco, a Mozzate. La famiglia è stata informata dai carabinieri di Como su richiesta della polizia cantonale. La donna era nata a Saronno, in provincia di Varese.

Il viaggio doveva durare sedici ore e il mezzo montava le gomme da neve. Secondo quanto è stato possibile ricostruire, stando alle prime testimonianze e agli accertamenti della polizia, il pullman attorno alle 4.15 del mattino, quando quasi tutti dormivano, avrebbe sbandato probabilmente a causa del fondo stradale che non dava più aderenza, finendo contro uno dei muri laterali che fanno da barriera di protezione all’A3. La polizia stradale elvetica ha confermato che “le condizioni stradali, a quell’ora, a seguito di una forte nevicata, erano proibitive“, come preannunciato dal servizio di meteorologia che aveva invitato a non mettersi in viaggio.

Un tassista che precedeva il pullman ha raccontato al portale 20Minuten di aver sentito “un gran botto”, aggiungendo che l’autostrada “era come una pista di pattinaggio: io stesso ho fatto fatica a evitare l’uscita di strada e ho visto molti altri automobilisti in difficoltà”. Sul pullman c’erano viaggiatori di diverse nazionalità: oltre ai sedici italiani, uno svizzero, un tedesco, due albanesi, due colombiani, una donna giordana, una romena, una ghanese, una del Benin, una decina di russi, un bosniaco e due nigeriani. A bordo pare non ci fossero bambini.

Difficili e laboriosi i soccorsi perché molti dei passeggeri sono rimasti incastrati tra le lamiere e le foto del pullman mostrano la cabina di guida interamente distrutta. L’autostrada è stata chiusa al traffico per alcune ore ed è stata riaperta verso mezzogiorno. L’incidente sarebbe avvenuto in un punto critico dell’autostrada A3, all’altezza di una brusca deviazione a destra e se il muro non avesse retto, il bilancio delle vittime – già pesante e non definitivo – sarebbe stato ancor più tragico perché il pullman sarebbe finito nel fiume Sihl che scorre dieci metri più sotto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rimini, scossa di terremoto di magnitudo 4.2. Epicentro a Santarcangelo di Romagna

prev
Articolo Successivo

Global Compact, scontri a Bruxelles per firma accordo. Il Papa lo difende: “Sia riferimento per comunità internazionale”

next