Sembra una normale pillola, di quelle rivestite con film. In realtà è un sofisticato strumento per la diagnosi non invasiva, e soprattutto indolore, di patologie intestinali come i polipi, la malattia di Crohn o la Sindrome di Peutz-Jeghers. Per capirci, quelle che in genere richiedono una colonoscopia per essere diagnosticate. Invece con PillCam 2 è sufficiente mandare giù una pastiglia con un sorso d’acqua e attendere che, con la naturale peristalsi, raggiunga il tratto intestinale da ispezionare.

Il segreto di PillCam 2 è che all’interno non c’è un farmaco solubile, ma due videocamere miniaturizzate, in grado di filmare e ingrandire quello si vede durante il “viaggio” attraverso l’intestino. Tecnicamente si tratta di una videocapsula endoscopica, e la novità è che nel reparto di Gastroenterologia dell’Ospedale di Ravenna ha sostituito la tradizionale colonscopia.

La capsula è monouso e in tutto misura 27 mm di lunghezza e 11 mm di diametro. Oltre alle videocamere ospita una batteria, un microchip e l’antenna per trasmettere i dati. Non è necessario un ricovero ambulatoriale durante l’uso. Una volta ingerita, a digiuno e con l’intestino pulito, il paziente può condurre le sue normali attività. L’unica accortezza è che dovrà indossare una fascia sull’addome all’interno della quale è installato un registratore. I dati raccolti dalla capsula saranno inviati a questo “centro di raccolta”, e quindi trasferiti dal medico sul PC per essere analizzati.

Non parliamo di una soluzione tecnologicamente innovativa, perché per dire il vero queste pillole sono in circolazione da quasi vent’anni, a vari livelli di evoluzione. In Italia il primo modello è arrivato nel lontano 2001. Il problema è che nella maggior parte dei nosocomi italiani si continuano a preferire le vecchie tecniche, piuttosto che passare a metodi meno invasivi e dolorosi per i pazienti. Oltre tutto, con le pillole si possono anche condurre analisi impossibili con la colonscopia tradizionale, come per esempio l’ispezione del piccolo intestino, un tratto di 6 metri che altrimenti si potrebbe vedere dall’interno solo tramite intervento chirurgico o radiografia.

Fa eccezione, appunto, il caso di Ravenna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Api con lo zaino in spalla aiutano a ottimizzare le coltivazioni

next