Perde l’anello di matrimonio nel water e lo ritrova dopo 3 anni in un tombino. Il “miracolo di Natale” è avvenuto ad Atlantic City, nel New Jersey. La signora Paula, 60 anni, aveva perso ogni speranza. Nel 2015 mentre stava pulendo il wc si è improvvisamente ritrovata senza quel prezioso anello, regalatole dal marito, simbolo di un amore durato 20 anni. “Mi stava un po’ largo”, ha spiegato ai giornali del New Jersey la donna che per molti mesi non si era data pace di quella piccola perdita dall’alto valore affettivo.

Accadimento che aveva raccontato anche al capo della ditta che lavora solitamente all’impianto idrico e fognature della zona di Atlantic City dove abita. Ed è stato proprio quel signore, durante un normale lavoro di manutenzione ad aver ritrovato l’anello. Paula ha trovato un biglietto attaccato alla porta di casa dove c’era scritto di contattare il dipartimento dei lavori pubblici della città. “Pensavo dovessero fare dei lavori nel nostro giardino o in casa”, ha spiegato Paula. Ma quando la donna ha contattato il centralino della ditta ecco la sorpresa. Il signor Ted Gogol, colui con cui aveva parlato dello smarrimento dell’anello tre anni prima, aveva ritrovato la fedina in mezzo al fango, sotto un  tombino a qualche centinaio di metri da casa di Paula. “Appena ho intravisto qualcosa luccicare in mezzo ai detriti mi è venuta in mente quello che mi aveva detto la signora Paula”, ha raccontato Gogol. “Non potevo crederci, quando Ted mi ha spiegato cos’era successo ho pianto e l’ho abbracciato. È stato un anno difficile per la nostra famiglia, e il ritrovamento dell’anello è stato come un miracolo di Natale”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Si innamora del suo lampadario e se lo tatua sul braccio: “Ci sposeremo presto”

next