Fine anno è tempo di bilanci, e Google non manca di tirare le somme delle ricerche che sono andate per la maggiore in Italia nel 2018. Non stupisce che musica, sport e politica abbiano tenuto banco nelle prime 10 posizioni delle Parole emergenti del motore di ricerca.Anche se l’Italia non ha partecipato ai mondiali di calcio, sono proprio i Mondiali al primo posto, forse per curiosità o perché tanti hanno “adottato” qualche squadra straniera pur di seguire l’evento.

Il nazionalissimo evento canoro del Festival di Sanremo si è piazzato in ottava posizione a conferma che, nonostante gli anni, alla fine lo show canoro fa presa sul pubblico. Ma attira di più il Grande Fratello, che nel 2018 ha conquistato una quinta posizione. Politica in sesta e settima piazza, rispettivamente con le chiavi di ricerca “Governo” e “Elezioni 4 marzo“.

Più che gli eventi, però, ad appassionare gli italiani sono stati i personaggi pubblici. Al secondo posto delle Parole emergenti, infatti, c’è stato Sergio Marchionne, amministratore delegato di FCA deceduto a luglio, seguito da Cristiano Ronaldo al terzo posto. Tra l’arrivo alla Juventus e le denunce di stupro, nel 2018 sì è parlato più di lui che della festa della mamma. Il quarto posto omaggia il conduttore TV recentemente scomparso Fabrizio Frizzi, decimo un altro italiano amato che ci ha lasciati, il capitano Viola Davide Astori. Proprio questi stessi personaggi sono protagonisti anche della classifica dei Personaggi emergenti, o meglio di veri e propri simboli, protagonisti dell’industria internazionale, dello sport e della TV. Consultando la classifica spicca l’assenza di personaggi legati alla politica, sia internazionale sia italiana, rispetto ai quali hanno attirato di più Meghan Markle e Marina Ripa di Meana. Noblesse oblige.

Chiudiamo con gli Eventi emergenti. A parte i nomi scontati, fa piacere vedere in classifica un avvenimento come l’Eclissi del 27 luglio: quando la natura ha più fascino della fiction è un successo da segnarsi a calendario. Seguono la Festa della mamma e Wimbledon. Scontata la Champions league, non altrettanto il volume di ricerche sulle Olimpiadi invernali, anche se avrebbero meritato pure i mondiali di volley. Vi ritrovate in queste classifiche?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Australia primo paese al mondo a rendere illegale la crittografia in nome della sicurezza

prev
Articolo Successivo

Le 10 violazioni dei dati più pazzesche del 2018

next