Volendo ridurre l’analisi a un livello brutale, si potrebbe dire che sarebbe bastato uno spray urticante a uccidere 6 persone, ennesima tragedia italiana dell’irresponsabilità. Ma tra il pulsante che schiacciato sparge e la balaustra che pressata cede, c’è un enzima che trasforma il piccolo allarme in follia collettiva. Il terrorismo che ha marcato gli anni più recenti della contemporaneità, ha ucciso di nuovo anche in Italia e l’ha fatto senza sparare un colpo ma sfruttando il suo significato originario di azione che suscita paura.

Radicata in testa dalle immagini tv, pronta a sprigionarsi senza controllo al minimo sentore. Impossibile non cogliere un collegamento tra Bataclan, il concerto di Ariana Grande di Manchester e la Lanterna Azzurra; tra Londra, Bruxelles e la Torino bianconera in Piazza San Carlo per la finale di Champions. Anche lì bastò l’innesco non di una bomba ma della paura a far deflagrare il terrore di massa, le corse, la calca e le sirene delle ambulanze. Il panico è sufficiente a far diventare una folla carnefice di se stessa. È un istinto, e in quanto tale difficilmente controllabile. È un istinto, e in quanto tale però facilmente prevedibile.

Il terrorismo, che in Italia fa di nuovo vittime tra una generazione crescita con i suoi spauracchi su Youtube, senza sparare ci lascia senza insegnamenti. Gli attentati di cui il resto d’Europa è vittima ci hanno spinti a potenziare l’intelligence e i piantoni, non a prendere davvero coscienza delle trappole qualunque in cui ci infiliamo spesso e volentieri. I cocci di vetro di Torino, i biglietti oltre i limiti di Corinaldo ne sono la prova, ma decine di altre se ne possono trovare, per dirne una, in discoteche asfissianti. I concerti di Capodanno, con cui un’Italia che non deve fermarsi fa bene a festeggiare, non ne siano altri esempi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità pubblica, presto in Italia potremmo non averla più

next
Articolo Successivo

Malattie sessualmente trasmesse, ragazzi ancora poco informati sulla prevenzione: per molti basta “una dieta corretta”

next