Un piccolo lapsus può capitare a tutti ma, quando capita in certi momenti, diventa davvero imbarazzante. Ne sa qualcosa Mara Maionchi, che ha fatto una gaffe al momento dell’eliminazioni nel sesto Live di X Factor 2018. “Se devo eliminare qualcuno elimino Naomi“, ha detto. A quel punto tra pubblico e giudici è calato il silenzio più assoluto dato che a rischio eliminazione c’erano solo Sherol e Leo Gassman.

In quel momento Fedez è scoppiato a ridere, sia perché Mara ha sbagliato nome sia perché anche stasera è saltato fuori il nome di Naomi al ballottaggio, pure se la cantante era salva. Naomi infatti era al ballottaggio nelle precedenti due puntate e ha superato un duro scontro la settimana scorsa, oltre al fatto che per molti era a rischio anche stasera. Era evidente che Mara volesse eliminare Sherol, ma il nome della ragazza proprio non le veniva in mente, così ha consultato il foglio sul tavolo e ha esclamato: “Come ca** si chiama questa”.

Ci ha pensato poi, come sempre, Alessandro Cattelan a togliere tutti dall’imbarazzo con una battuta. “Mi sono sbagliata, volevo dire Sherol“, si è poi corretta Mara. Così è la giovane a lasciare la competizione, salvo invece Gassman che con lei era finito al ballottaggio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sex Story, il più grande tabù in un documentario: dal cinema ai caroselli, dai quiz alle fotografie

prev
Articolo Successivo

Irresistibile Crozza nei panni di Di Maio: “Il lavoro con mio padre? All’epoca avevo il 22% degli anni”

next