Insulti e minacce alla Camera dopo che il deputato di Forza Italia, Francesco Paolo Sisto, ha denunciato il trattamento subito dalla collega Matilde Siracusano che giorni fa prese le difese di Silvio Berlusconi. “Contro Siracusano commenti e insulti sessisti. Vergognatevi e chiedete scusa” ha attaccato Sisto. “Non abbiamo nulla di cui scusarci” ha replicato il capogruppo del M5s, Francesco D’Uva. A fatica è riuscita a riportare l’ordine in Aula la presidente di turno, Mara Carfagna: “Stigmatizzo il comportamento di entrambi i gruppi parlamentari, offese e minacce non sono ammessi”.

Sulla questione è intervenuto anche il presidente della Camera, Roberto Fico: “Tutta la mia solidarietà alla deputata Siracusano per gli insulti indegni che ha ricevuto e a tutte le altre colleghe per le offese, i commenti sgradevoli, le insinuazioni di cui sono continuamente oggetto. Ogni forza politica deve farsi carico con fermezza e senza tentennamenti di contrastare questo orribile atteggiamento culturale. Bisogna combattere la visione di una società maschilista – ha continuato – un atteggiamento generale sessista che si manifesta in molteplici settori del nostro Paese. E vanno condannate in modo forte e senza appello tutte quelle persone che invece di rispondere politicamente alle questioni poste dalle nostre deputate si lasciano andare a commenti di stampo puramente sessista che niente hanno a che fare con i temi sollevati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Operai in nero nella ditta dei Di Maio, tutti gli aspetti da chiarire nella vicenda: dalla causa in corso al contratto di Luigi

prev
Articolo Successivo

Camera, Boldrini infuriata con Salvini: “Mi ha paragonato a una bambola gonfiabile, sessista e vergognoso”

next