La scorsa notte ha esploso 5 colpi di pistola quando ha sentito rumori nella sede della sua ditta all’interno della quale dormiva dopo aver subito diversi furti (6 formalmente denunciati) negli ultimi anni. Il ladro, un moldavo di 29 anni, è morto e il proprietario dell’azienda Fredy Pacini, un gommista di Monte San Savino, in provincia di Arezzo, è ora indagato per eccesso di legittima difesa.

Un servizio realizzato da Tele Etruria, documenta lo stato di esasperazione dell’uomo che già la scorsa estate aveva deciso di restare a dormire nella sua officina per proteggersi dai continui furti subiti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terrorismo, blitz del Nocs della polizia a Macomer: arrestato palestinese. “Voleva mettere un topicida nella rete idrica”

prev
Articolo Successivo

Galleria della Guinza: 6 km di incompiuta da 30 anni e 120 milioni di euro (e più). Ora indaga la Corte dei Conti

next