Ha esploso 5 colpi di pistola quando, poco prima dell’alba, ha sentito rumori nella sede della sua ditta all’interno della quale dormiva dopo aver subito diversi furti (6 formalmente denunciati) negli ultimi anni. Il ladro, un moldavo di 29 anni, è morto e il proprietario dell’azienda Fredy Pacini, un gommista di Monte San Savino, in provincia di Arezzo, è ora indagato per eccesso di legittima difesa. Stando alla prima ricostruzione dei carabinieri, il 29enne è incensurato e sarebbe entrato nella sede della ditta sfondando una finestra con un piccone insieme ad almeno un complice che poi è riuscito a fuggire ed è ora ricercato nell’Aretino.

Ascoltato dal pm Andrea Claudani, l’uomo ha dichiarato di essersi svegliato per i rumori e di aver sparato d’istinto due o tre colpi di pistola (cinque, secondo la ricostruzione degli investigatori). I colpi avrebbero ferito il ladro a un ginocchio e a una coscia e probabilmente è stato proprio quest’ultimo ad aver provocando la sua morte recidendo l’arteria femorale. Poco dopo, proprio il titolare della ditta ha allertato i carabinieri.

Accanto al commerciante si sono schierati il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e diversi amici e conoscenti che lo hanno atteso all’esterno della ditta quando è rientrato in tarda mattinata. Il vicepremier leghista ha telefonato all’uomo per rappresentargli “la vicinanza delle istituzioni”, come ha riferito l’avvocato Alessandra Cheli, uno dei legali che assiste il gommista. “Pacini non se l’è sentita di parlare con il ministro, perché è troppo scosso. Ha chiamato me perché lo ricontattassi. Salvini è stato sincero”, ha detto l’avvocato. Già in mattinata Salvini aveva spiegato: “Sto con il commerciante. Presto in aula legittima difesa”, ricordando che il ddl sul tema ha ricevuto l’approvazione del Senato lo scorso 24 ottobre e adesso è atteso all’esame della Camera dove non verrà approvato prima dell’inizio del nuovo anno perché “c’è ingolfamento”.

Applausi e grida a voce alta, da parte di una ventina di amici e conoscenti, hanno invece accolto l’uomo davanti alla sua azienda quando ha ripreso la sua attività di gommista e noleggio biciclette dopo mezzogiorno. Davanti ai cancelli della rivendita sono stati attaccati anche cartelli con l’hashtag ‘Io sto con Fredy’. “Non ne poteva più, era preso di mira dai ladri, ormai dormiva quasi fisso in azienda (foto a sinistra, ndr) anziché nella sua casa in paese”, raccontano alcuni, che dicono di conoscerlo da tantissimi anni. Proprio un furto di biciclette del 2014 causò a Pacini un danno da 30mila euro. Uno dei 6 furti o tentativi di furto denunciati dal commerciante negli ultimi 4 anni, anche se in diverse occasioni l’uomo ha sostenuto di aver subito 38 furti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna, novantenne uccide la moglie e poi si suicida buttandosi dal terzo piano

next
Articolo Successivo

Vicenza, donna uccisa nel suo letto con un colpo di pistola: fermato l’ex marito

next